L’Ambito Turistico Casentino presente al Buy Tuscany e Sharing Tuscany a Livorno

Due eventi b2b che si sono svolti il 29 settembre e il 30 settembre, il primo dedicato agli incontri tra buyer internazionali e seller nazionali, il secondo dedicato alle presentazioni degli Ambiti Turistici della Toscana e agli incontri tra seller e buyer nazionali

Buy Tuscany Sharing Tuscany, alla 14° edizione, sono due eventi organizzati da Toscana Promozione Turistica per favorire l’incontro tra domanda nazionale ed internazionale e offerta regionale. I buyer internazionali e nazionali sono stati inoltre coinvolti in esperienze volte alla scoperta del territorio, suddivise in due tipologie di esperienze: pre e post tour.

Nella due giornate dove sono stati incontrati 29 buyer internazionali e 14 nazionali, l’Ambito Turistico Casentino ha destato particolare interesse per i suoi ambienti naturali ricchi di aree verdi di nota bellezza e per borghi che preservano tutt’oggi la storia e la tradizione in cui è possibile vivere l’autenticità dell’esperienza, ricercata dal turista viaggiatore.

Oltre al turismo attivo quello che ha riscontrato altresì particolare interesse è la tradizione enogastronomica che regala sapori autentici e genuini, la tradizione artigiana, in cui l’arte del saper fare mantiene tutt’oggi la passione e la storia viva.

Nella seconda giornata dello Sharing Tuscany l’Ambito Turistico Casentino ha presentato il proprio territorio e la propria offerta con un focus sui percorsi cicloturistici che attraversano il territorio con i quali è possibile scoprire angoli reconditi e quella tradizione che viene tramandata nel tempo: dal patrimonio Unesco alla storia e alla cultura con i tour dei castelli e altresì la possibilità di scoprire le specialità enogastronomiche e l’artigianato con esperienze personalizzabili, adatte a qualsiasi tipo di target.

Sono stati 27 i Paesi del mondo rappresentati dai buyers arrivati a Livorno. Tra i principali mercati: Francia, Germania, Stati Uniti, India, Canada, Olanda, Belgio, Brasile, Polonia e Svezia. Ai 120 tour operator internazionali si sono affiancati quelli italiani, circa 80, per un totale di 13 regioni coinvolte. Particolare interesse è stato mostrato per quelle destinazioni in grado di presentare un’offerta culturale legata alle tradizioni popolari, con servizi che mettano in contatto il turista con la cultura locale, e quelle destinazioni meno note, ma autentiche oltre a location di livello per eventi.

Per informazioni ambitoturistico@casentino.toscana.it

Ultimi Articoli

Arrivato il nuovo Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Bibbiena

I Carabinieri della Compagnia di Bibbiena (AR) hanno il nuovo comandante, che sostituisce il Cap. Giuseppe Barbato, destinato ad altro incarico È il Tenente Domenico...

“Stirella”: racconti di un’infanzia trascorsa nella campagna casentinese

Quando Graziella Ceccarelli mi ha chiesto di presentare il suo primo libro di racconti, mi sono sentita insieme lusingata ma anche un pochino preoccupata...

Al Cifa di Bibbiena la reunion della Brizzi Big Band

Casentino Jazz Orchestra: la mitica formazione torna di nuovo ad esibirsi venerdì 21 giugno alle 21.30 al Cifa di Bibbiena Metti un gruppo di grandi...