L’amministrazione di C. Focognano risponde alle polemiche sulla scuola sollevate da “FareComune”

“Il bel tacer non fu mai scritto”, con questa espressione l’amministrazione comunale di Castel Focognano sottolinea come il saper tacere al momento opportuno non guasta e non è mai sufficiente, anzi potrebbe evitare interventi inopportuni, poco intelligenti e decisamente fuori luogo. Il riferimento è ai consiglieri di minoranza del gruppo “Farecomune” e l’invito è quello di far riferimento ad informazioni certe verificando prima di fare interventi, “un modo corretto di fare che, invece, non appare dal loro comunicato del 18 settembre 2020 a proposito della riapertura delle scuole e dei servizi ad essa collegati” ha specificato l’amministrazione.
Dai verbali dei Consigli Comunali infatti non risulta che il gruppo “Farecomune” si sia mai informato sui problemi relativi alla riapertura delle scuole, né che abbia posto mozioni o interrogazioni su come gestire, nelle stesse, la situazione di emergenza riguardanti il problema delle aule, del distanziamento, dei trasporti e della mensa scolastica.

“I consiglieri di minoranza di Farecomune non hanno chiesto, né si sono mai interessati di cosa l’emergenza sanitaria abbia comportato in termini di investimento sia strutturali che di adattamento degli spazi interni ed esterni e di manutenzione per accogliere in sicurezza i nostri ragazzi – ha dichiarato il sindaco Lorenzo Remo Ricci – non sanno nulla di cosa ha comportato il dover seguire rigorosamente i protocolli stringenti sulle norme anti contagio da Covid- 19 anche in merito ai servizi di trasporto scolastico e alla mensa. C’è da chiedersi se questi consiglieri abbiano seguito i continui aggiornamenti che, durante tutta l’estate, hanno riguardato la scuola nel suo complesso e se siano a conoscenza delle linee guida specifiche del Ministero dell’Istruzione, del Ministero dei Trasporti o della Salute. Ci sarebbe, inoltre, da domandarsi se gli stessi siano fino in fondo consapevoli del momento che stiamo affrontando, fuori dalla normalità e dall’ordinario; se considerano la gravità che questa situazione comporta in termini di misure straordinarie adottate per soddisfare le richieste per una regolare riapertura dell’anno scolastico: questioni critiche, complicate e complesse non solo locali ma nazionali. Riteniamo pertanto che il gruppo Farecomune, non essendosi interessato fino ad ora e non avendo seguito le tante problematiche emerse in itinere, né le strade adottate dall’attuale amministrazione per risolverle, non possa entrare nel merito a questioni così tanto delicate dando informazioni non veritiere o peggio alimentando sterili polemiche sui social”.
Per l’amministrazione comunale i consiglieri del gruppo di Fare Comune sono persone ben “formate e strutturate” da anni di politica attiva e avrebbero dovuto sapere come muoversi, sapere che occorre seguire e vigilare in modo attento e costruttivo lo svolgersi delle cose per il bene di tutta la comunità utilizzando i canali istituzionali. “L’Amministrazione ha risolto oltre alla scuola altre emergenze su tutto il territorio comunale gestendo al meglio la situazione Covid-19 ricevendo, per la costante presenza, capacità e preparazione dimostrata in ogni circostanza, i complimenti anche dal capogruppo di minoranza Cristian Gambineri – ha concluso il sindaco Ricci – in questo difficile momento è stato fatto tutto il possibile per essere a fianco della scuola perché sappiamo molto bene che “la scuola è investimento” e sapremo prendercene cura anche in seguito”.

C. stampa