Le forme di Parmigiano custodite al sicuro con Baraclit

Gema Magazzini Generali, Colla, Latteria Soresina, Modena Terminal sono alcuni dei grandi player italiani nel settore Cheese che hanno scelto le strutture in cemento armato di Baraclit per dare forma e sicurezza alle esigenze logistiche, energetiche ed antisismiche dei propri magazzini di Parmigiano Reggiano e formaggi di prima qualità.

La richiesta dei committenti a Baraclit è stata univoca: realizzare edifici evoluti per isolamento termico e controllo dell’umidità, sicurezza antisismica, lay-out di stoccaggio senza vincoli strutturali e autoproduzione di energia elettrica da fonte solare. La peculiarità che accomuna i quattro stabilimenti risiede nelle prestazioni energetiche dell’involucro in base alla sua destinazione d’uso: custodia e stagionatura del formaggio a temperatura costante (15-18°) e umidità relativa dell’85%. Baraclit ha dovuto far fronte a un microclima che mette a dura prova coperture e tamponamenti prefabbricati, in quanto favorisce lo sviluppo di fenomeni di condensa e il rischio muffe, dannosi al Re dei Formaggi. Pertanto in ogni progetto si è reso necessario condurre uno studio termo-igrometrico approfondito, con verifiche scrupolose (Diagrammi di Glaser) e programmi di calcolo sofisticati (agli “elementi finiti”).

GEMA MAGAZZINI GENERALI (Montese – MO). Il nuovo polo logistico per la gestione del ‘Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna’, nell’ambito delle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna, è stato costruito nel cuore dell’Appennino Modenese a 846 metri di altitudine, in una conca naturale immersa nel verde. Il complesso – 25.000 metri quadrati di superficie di cui 8.500 mq coperti, che ospitano 170.000 posti forma su 85 km di scalere – è stato realizzato da Baraclit secondo i più rigorosi criteri antisismici e attenti parametri di efficienza termica, è completamente informatizzato e garantisce il monitoraggio continuo della temperatura (16-18 gradi) e dell’umidità (75-85%), oltre a un ricambio d’aria pari a 64 mila metri cubi nell’arco delle 24 ore.

La ‘Banca del Formaggio’ utilizza per la massima sicurezza, sia alimentare che fisica, speciali impianti monitorati in tempo reale da sistemi di rilevazione e software specifici, al fine di esercitare un controllo dettagliato sulla qualità. Un “caveau” evoluto, il più grande magazzino in Italia sopra i 600 mt di altitudine per valorizzare la denominazione DOP del Parmigiano Prodotto di Montagna, che ha permesso alla società reggiana di aggiudicarsi il prestigioso premio nazionale riconosciuto da Assologistica, Il Logistico 2018, per l’innovazione nel settore immobiliare logistico.

Dato l’ambiente climaticamente sfidante, lo sforzo progettuale-costruttivo di Baraclit si è concentrato sull’isolamento termico delle pareti dell’edificio e sul sistema di copertura dotato di una speciale stratigrafia ultra performante, sia in termini energetici (barriera antivapore e taglio termico totale con trasmittanze da edificio “passivo”), che di resistenza meccanica per il carico neve maggiorato del 100% come richiesto dalla committenza vista la località montana di costruzione. Sul tetto a estradosso piano Baraclit ha integrato infine un impianto FTV della potenza di 155 kWp con moduli SunPower installati mediante l’innovativa struttura di sostegno HELIX.

COLLA (Fidenza – Parma.) Il sito si articola su una superficie di 14.700 mq destinata alla stagionatura e trasformazione del Parmigiano, un deposito di 13.000 mq più un’area logistica di 8.400 mq. Con una capacità di 300.000 forme, lo stabilimento è divenuto primo centro per dimensioni in Europa e si è guadagnato sul mercato l’appellativo “Cattedrale del Formaggio”, per le sue imponenti misure e l’elevata luminosità derivante da un lucernario continuo che illumina la “navata” centrale del magazzino in maniera naturale.

LATTERIA SORESINA (Chiari – Brescia). Per il deposito di Grana Padano, Parmigiano e formaggi freschi, la committenza ha commissionato un fabbricato da 5.300 mq in ampliamento al sito esistente, interamente realizzato da Baraclit con il sistema di copertura b2000 (travi primarie) e coppelle BasalTop® (elementi secondari), caratterizzato da ampie maglie strutturali e basso ricalo delle travi di banchina proprio per evitare interferenze con la distribuzione interna degli impianti tecnologici. MODENA TERMINAL (Campo Galliano – Modena). Baraclit ha costruito un Energy Building di 4.000 mq con elementi alternati Aliant Shed e Aliant Spazio su cui sono stati integrati moduli SunPower per una potenza complessiva di 262 kWp. Anche questo progetto ha richiesto a Baraclit una tenuta antisismica e termica ai massimi livelli, nonché un lay-out interno funzionale alle esigenze di stoccaggio con altezze utili elevate per l’alloggiamento di imponenti scaffalature.

Ma non si esauriscono qui le referenze di Baraclit nel settore del Cheese, basti ricordare altri nomi sparsi nelle regioni della penisola italiana, fino in Sardegna, quali Caseificio Piacciau (CA), Caseificio Corvetto (CA), Caseificio Mambelli (FC), Caseificio di San Giuseppe Morello (SA), Caseificio Ciolo (GR).

Info. pubb. c. stampa