Liberetà, il percorso rivolto agli anziani e attivato da tempo dall’Amministrazione comunale, è stato ulteriormente valorizzato.
“Da un lato attività che mirano a mantenere attiva questa parte della società, credendo fermamente nel valore e nelle capacità di queste persone di cui il nostro territorio ha bisogno – commenta l’Assessore Francesco Frenos – dall’altro assistenza a coloro che invece sono più fragili”.
Proprio partendo da questi assunti anche quest’anno sono stati realizzati i soggiorni estivi per anziani. Due sono state le location: le terme di Bagno di Romagna e Bellaria (soggiorni che si concluderanno l’8 settembre) e le persone che hanno partecipato sono state 40.In entrambi i casi l’amministrazione compartecipa per agevolare la partecipazione.
Accanto ai soggiorni l’amministrazione sostiene numerose attività culturali, quali l’Università dell’Età libera che consente a numerose persone che si trovano in questo momento della vita, di rimanere attivi dal punto di vista intellettuale, consentendo un miglioramento delle loro competenze e capacità.
L’attività fisica adattata è un altro importante percorso attivato dall’amministrazione e rivolto a questa fascia di età. L’attività fisica rappresenta un percorso di qualità che aiuta a superare limiti e migliorare a qualità della vita in un momento particolarmente delicato.

L’Assessore Francesco Frenos

Francesco Frenos commenta: “Quando si parla di anziani si parla anche di assistenza. Il numero di anziani che nel nostro comune hanno bisogno di assistenza e che sono seguiti dai nostri servizi sociali sono ben 192. Numerose sono i tipi di interventi: l’assistenza domiciliare, il trasporto sociale, contributi per integrazione rette in case di riposo, contributi economici per alloggio, contributi economici ad integrazione del reddito familiare”.
Frenos annuncia un impegno ulteriore nell’anno corrente: “Nel 2019 le integrazioni delle rette hanno avuto un incremento in considerazione del fatto che è aumentato il numero degli utenti. Il nostro impegno su questa parte del sociale non subirà flessioni, ma al contrario avrà un incremento di energie. Come amministratori crediamo che le persone anziane rappresentino una ricchezza enorme per il nostro tessuto sociale. Per questi motivi le attività che mirano a supportare questa età saranno sempre più incisivi. L’età della pensione non è un’età libera, ma utile e piena. Questo concetto è anche alla base del nuovo regolamento che riguarda tutti coloro, spesso anziani, che intendono dare una mano, fare qualcosa per la comunità”.

L’amministrazione fino ad oggi ha investito sulle attività per gli anziani oltre 50 mila euro.

Comunicato stampa
Comune di Bibbiena
Bibbiena, 3 settembre 2019