Libri, Marina Martinelli premiata a Firenze per il suo romanzo “Occhi cattivi”

Marina Martinelli durante la premiazione a Firenze

Si è tenuta sabato 27 aprile 2019 la cerimonia di premiazione del prestigioso Premio Intenazionale Letterario ed Artistico “Giglio Blu di Firenze” dove la nostra collaboratrice (e ormai scrittrice affermata) Marina Martinelli si è aggiudicata un importante riconoscimento: la segnalazione di merito per il suo romanzo Occhi cattivi (Cianferoni Editore). Un riconoscimento, quello ottenuto da Marina, che la consacra tra le più interessanti ed apprezzate scrittrici casentinesi e che le conferma quanto di buono ha prodotto in questi prolifici anni dedicati alla sua vera passione: raccontare storie. Il romanzo con cui si è aggiudicata l’importante premio è un testo per certi versi “doloroso” che tratta con sapiente delicatezza un tema particolarmente scabroso: la pedofilia. L’opera, infatti, prende spunto dalla tragica vicenda della Piccola Fortuna Loffredo (la bimba di 6 anni morta il 24 giugno del 2014 dopo esser stata violentata e gettata giù da un palazzo del Parco Verde di Caivano, ndr) per poi condurci, come rivela l’autrice stessa, verso un racconto di fantasia con “l’illusione di un finale diverso”.

Marina Martinelli, autrice di “Occhi cattivi”

“Il libro parla di pedofilia”, ci spiega l’autrice, “anche se la penna ha voluto essere leggera per poter rendere questa storia leggibile anche agli adolescenti, ai quali racconta questo drammatico ‘problema’, purtroppo attuale e doloroso. In pratica era mio intento mettere in guardia i ragazzi, cercando di renderli coscienti, con discrezione e con un tono a loro familiare, che in questo bel mondo esiste purtroppo anche la pedofilia, e che un paio di occhi cattivi è possibile trovarli anche in un ambiente che sembra essere pulito e familiare”.