Lo sfogo di Bernardini contro il rinnovo del Consiglio di Nuove Acque

Il sindaco di Bibbiena Daniele Bernardini affida a Facebook tutta la sua amarezza per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione di Nuove Acque, denunciando a parer suo un modus operandi partitocratico e poco trasparente.

Ecco, di seguito, il suo sfogo: “Ieri ho partecipato, come rappresentante del comune di Bibbiena, all’assemblea dei soci di NUOVE ACQUE. All’ordine del giorno: RINNOVO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Ho assistito ad una nuova puntata del film PARTITOCRAZIA. Anzichè nella sede appropriata, cioè in assemblea e soprattutto senza porre come condizione la professionalità e la competenza degli aspiranti a quei posti, con un accordo politico fatto nelle segreterie dei partiti (tutti), si sono spartiti i posti riservati ai soci pubblici (comuni) nominando anche persone estranee al territorio ma che rappresentano i partiti. I sindaci casentinesi hanno proposto e votato l’ex di turno,cioè Graziano Agostini, ex sindaco di Poppi, alla faccia del rinnovamento e delle competenze tecniche o in merito a gestioni aziendali. Ho avuto l’onore di essere l’UNICO Sindaco a non votare questo atto, un altro di quegli atti che contribuiscono ad allontanare sempre di più la gente comune dalla politica!!!”