Mandrioli e Consuma, Vagnoli: “Basta polemiche, risolviamo i problemi”

Passo dei Mandrioli

“Abbiamo una situazione già svantaggiata sulla viabilità quindi credo sia il momento di agire e non quello di perdersi in polemiche inutili”, con queste parole il Sindaco di Bibbiena Filippo Vagnoli entra nel merito delle controversie che in questi giorni hanno visto fronteggiarsi l’Assessore regionale alla viabilità Vincenzo Ceccarelli e il Presidente della Provincia Silvia Chiassai Martini proprio sulla viabilità di questi passi.

Il Sindaco di Bibbiena oltre ad aver scritto una lettera all’Assessore e per conoscenza alla Presidente della Provincia commenta: “In questo momento abbiamo delle preoccupazioni perché il tratto forlivese dei Mandrioli è stato interdetto al traffico pesante e questo ha una ripercussione sulla economia della valle e per molte aziende della zona. Stesse preoccupazioni per la Consuma visto che qualche tempo fa il Comune di Pelago aveva chiesto di interdire il passo al traffico pesante. Ora la questione per la Consuma è parzialmente rientrata ma non conclusa. Il mio vuole essere un richiamo al senso istituzionale della Regione in primis essendo un organo di grado superiore e avendo un Assessore casentinese alla viabilità. Credo sarebbe essenziale far tacere le polemiche che in fondo servono a poco e iniziare invece a cercare sinergie tra province e regioni per trovare soluzioni subito. Il territorio, le aziende non possono più aspettare”.

Per quanto riguarda la viabilità del Casentino il Sindaco ritorna a parlare di un traforo: “Lo sbocco verso Firenze rimane un obiettivo importante che io direi di non mettere nell’angolo delle cose dimenticate poiché il Casentino ne ha bisogno assoluto. Non è una cosa impossibile, costosa certamente, ma non impossibile. Poi ovviamente direi che dobbiamo migliorare la viabilità verso Arezzo anche pensando ad un collegamento con l’A1. Per i Mandrioli credo sia necessario mantenere in salute quella viabilità da entrambi i versanti per renderla agevolmente percorribile da mezzi pesanti e turisti”.