Marri: “Che fine ha fatto la promessa dell’auditorium nella sede dell’Unione?”

Comunicato stampa Gruppo Consiliare Cittadini in Movimento

Nell’ambito delle mirabolanti promesse fatte dal sindaco in campagna elettorale si annovera anche quella della costruzione di un nuovo “auditorium” a carattere polivalente che si sarebbe dovuto realizzare nell’ambito della ricostruzione della sede dell’Unione dei Comuni che da più parti si vocifera abbia importanti problemi di staticità.

Non pochi cittadini si ricordano della promessa e in questi giorni ci chiedono di informarci per sapere se aveva qualche fondamento oppure doveva essere annoverata tra le solite chiacchiere da bar.

Per quanto ci risulta, dall’insediamento della nuova amministrazione ad oggi, non abbiamo visto nessun atto che andasse in tal senso né il Consiglio Comunale ha ricevuta informative sulla questione e né tanto meno se ne parla nella relazione programmatica accompagnatoria al sia pur “naif” bilancio di previsione 2020.

E’ una delle tante questioni dove il sindaco, avendo mantenuto per se tutte le principali competenze amministrative, fa e disfà, prende impegni e li disdice senza minimamente confrontarsi con tutto il Consiglio Comunale a cui spetterebbe invece la funzione di indirizzo generale. Ovviamente se ai consiglieri di maggioranza sta bene fare le inutili comparse o le belle statuine è una loro libera scelta. Il gruppo di minoranza non è invece disponibile ad accettare questo modo di amministrare soprattutto quando si tratta di decidere sul livello dei servizi, sugli investimenti strutturali o su scelte strategiche che riguardano il futuro dell’intera nostra comunità.

Proprio per questo riteniamo necessario che l’intero Consiglio Comunale sia quanto prima relazionato dal sindaco in ordine al rapporto con l’Unione dei Comuni casentinesi, lo stato aggiornato dei saldi economici, lo stato dei progetti in essere e se esiste o meno la volontà da parte della maggioranza di proseguire nel rapporto associativo.

Su questioni così importanti e delicate accorrerebbe onestà intellettuale e trasparenza nei comportamenti se non altro per il rispetto dovuto a tutti coloro che con oltre il 70% dei consensi hanno dato fiducia a questa maggioranza.

Per quanto ci riguarda continueremo a svolgere con determinazione il ruolo che i cittadini ci hanno assegnato nel pieno rispetto delle leggi e delle prerogative regolamentari attualmente vigenti.

Gruppo consiliare Cittadini in Movimento

David Marri