MercaTalla, domenica 29 novembre giornata nel segno delle tipicità

Una festa su misura per famiglie e bambini, che strizza l’occhio al mangiar sano
TALLA: Domenica 29 novembre torna il “MercaTalla”, iniziativa giunta alla Sua seconda edizione, che ricade l’ultima domenica di novembre.
Il nome stesso intende richiamare alla mente sia l’atmosfera natalizia, visto il periodo, che tutti quei prodotti autoctoni che danno pregio alla vallata casentinese. In particolare saranno “in vetrina” i prodotti enogastronomici e dell’artigianato locale del Comune di Talla.
“Talla – dicono gli organizzatori – intesa come piccola comunità, situata alle pendici del Pratomagno, luogo di percorsi di pellegrini che dal Valdarno, un tempo, facevano tappa all’Alpe di Badia Santa Trinita per poi proseguire verso Firenze”. Un tuffo nella storia di questo borgo ma anche nelle sue realtà odierne. Durante la giornata sarà infatti coinvolto nella festa tutto il paese: dall’associazioni, agli artigiani, ai commercianti, ai produttori agricoli, allevatori e così via.
“Tutti quanti esporranno i loro manufatti artigianali e natalizi, ci delizieranno con prodotti gastronomici derivanti dal bosco, riscoprendo antichi mestieri (come il boscaiolo, il fabbro, il contadino) e le ricette dei nostri nonni”.
Per i bambini, la giornata sarà resa ancora più lieta dalla presenza di Babbo Natale – che con i suoi doni rallegrerà l’atmosfera – e più giocosa per tutti, poiché verrà allestito in paese anche un piccolo luna park. 
Il mercaTalla è organizzato dall’amministrazione Comunale per unire la comunità in una giornata “di tutti e per tutti”, per essere “vicini a tutte le età ed esigenze, anche alle fasce meno fortunate, rappresentate dalle rispettive associazioni”. Sodalizi dai nomi naif, ce raccontano ognuna tante storie: Tribù dei Nasi Rossi, Dynamo Camp, Tangram, Ass. Bacciotti Mayer. “L’amministrazione Comunale tallese, in questa giornata vuole regalare a tutti coloro che parteciperanno, un momento per ritrovarsi, stare in compagnia, riscoprire tradizioni e mestieri tipici del luogo, dare la possibilità a tutti quelli che ne hanno voglia, di venire a trascorrere un giorno diverso dagl’ altri, qui a Talla… Il paese dei due borghi!”
Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa