MESSAGGIO PER LA GIORNATA DEL RICORDO DEI MARTIRI DELLE FOIBE

 
 
Anche quest’anno ci avviciniamo ad affrontare il 10 febbraio “giornata del ricordo dei martiri delle foibe” nel rischio della pressoché totale indifferenza.
La giornata del ricordo, e’ una data ufficiale della Repubblica Italiana, istituita con legge (n. 92 del 30 marzo 2004) al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.
Si contano infatti circa 30.000 italiani infoibati nel dopoguerra dalla barbarie del comunismo.
A cui si aggiunge l’esodo di oltre trecentomila italiani.
Ci appelliamo pertanto alle istituzioni locali, al Sindaco di Poppi, a cui questo messaggio è stato inviato, affinché di questa giornata sia diffusa un’adeguata  informazione anche simbolica tramite quel naturale ripetitore di cultura che è il Castello dei Conti Guidi.
Attraverso la sua luce potrà sicuramente essere tolta un’ombra ingombrante con un gesto di sincera testimonianza, a memoria delle vittime delle guerre, che a prescindere dalla loro appartenenza politico religiosa sono perite.
 
Annuncio con soddisfazione che in occasione della “giornata del ricordo dei martiri delle foibe” di domani, il Castello dei Conti Guidi sarà illuminato del nostro tricolore.
Ringrazio il Sindaco di Poppi Carlo Toni che ha accolto favorevolmente la richiesta avanzata da parte di questa Lista Civica, omaggiando con un gesto di sincera testimonianza la ricorrenza e la memoria di questa giornata.
 
Enrico Lettig 
Capogruppo LISTA CIVICA POPPI LIBERA
 
CONDIVIDI
Articolo precedenteIN QUESTA PIAZZA, COME NEL TRECENTO…
Prossimo articoloMIELE E CEREALI al centro
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma scrive a Ponte a Poppi, in Casentino, dove vive. Direttore del periodico Casentinopiù dal 2013, è anche “scrittore”, giornalista, tabaccaio, “runner” e “tennista”: quasi tutto rigorosamente tra virgolette.