Moda uomo primavera estate 2019: un connubio di contaminazioni tra new classic, sportswear, millennials e sostenibilità.

Il mese di giugno è stato come sempre il momento in cui le case di moda hanno presentato sulle passerelle le novità riguardanti la prossima primavera estate 2019. I grandi marchi italiani si sono dati appuntamento per presentare le loro novità e collezioni legate alla moda uomo, caratterizzate da uno stile new classic, sportswear e Millennials mood e realizzate con un occhio alla loro sostenibilità.

Il primo stile emergente è il new classic, una sorta di classico che vede la presenza di nuove contaminazioni innovative. Abiti che abbracciano lo stile sartoriale e l’heritage, interpretati in modo personale e contemporaneo, in cui emergono caratteri come: equilibrio, dinamismo, stabilità e ispirazione. Un nuovo punto d’incontro tra formale e casual, in cui trovano spazio tessuti sartoriali, e capi intramontabili come il doppiopetto, in grado di dare eleganza a tutti. Non mancano mai nel guardaroba della prossima stagione anche le camicie uomo, realizzate in cotone e lino, eleganti e decisamente più fresche nelle linee, più contemporanee e giovanili, come quelle realizzate da Boggi Milano, azienda che grazie ai suoi punti vendita e ai suoi canali online è divenuta un riferimento per l’abbigliamento uomo in tutto il mondo.

Le silhouette dal carattere morbido vengono messe in risalto con scarpe e accessori, con giacche sartoriali che si associano a pantaloni dello stesso colore ma in tonalità diverse, realizzati con tessuti ricercati e che si sovrappongono ad altri capispalla. Un uomo che si avvale di un’eleganza misurata ma che reinventa, andando a personalizzarla a suo piacimento. La gamma dei colori utilizzati spazia dalla lucentezza della seta, alla porosità del lino, con un’evoluzione di colori che spazia dalla terra e spezie per espandersi nei verdi e azzurri, mentre per le soluzioni classiche vengono utilizzati i classici grigio, anche nella nuova variante “greige”, e il blu notte.

Sulle passerelle trova spazio poi lo sportswear, che prende ispirazione dalle discipline sportive come il cricket, tennis, skating, pugilato, baseball e anche il wrestling. Capi i cui tessuti sono il jersey in poliestere, i cotoni pesanti, il mohair infeltrito, il nylon, che permettono di realizzare una silhouette morbida e avvolgente, dove le righe grafiche e i quadri sono mescolati con stampe pittoriche, mentre le lavorazioni disegnano profili inediti. I capispalla e le giacche sartoriali vengono abbinati agli shorts, a dolcevita con grafiche psichedeliche e a maglie a fiori in pieno stile anni ‘70. Mentre tra gli accessori trovano spazio colbacchi in nylon, sneakers e borse a forma di zaino.

Un altro concetto che emerge dalle passerelle primavera estate 2019 della moda uomo è la sostenibilità, con capi che vedono l’utilizzo di tessuti realizzati con materiale trasparente senza PVC, ma anche riciclati, con questi ultimi che permettono di dare vita a interessanti e originali look in stile british ma dal tocco bohemien. Ma ancora camicie realizzate con cotoni organici leggeri, pantaloni stropicciati a vita alta realizzati con i gambi fibrosi della pianta dell’ortica sono il vero must della collezione. Ma non finisce qui, anche la iuta viene utilizzata per creare borse in hessian, mentre le giacche jacquard sono realizzate in canapa, mentre la rafia, ottenuta dagli alberi di palma viene tessuta ad arte su pesanti parka e bomber corti.

Info pub.