Movimento Arturo: «Bernardini ha un vizio per i Supermercati?»

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del Movimento Arturo sulla situazione di Bibbiena riguardo ai supermercati e alle politiche del Sindaco Bernardini:

Ci è capitato più volte di intervenire sulla assurda politica del pullulare di supermercati a Bibbiena. Invece del triangolo delle Bermude noi abbiamo il triangolo dei supermercati, un triangolo formato da una ristretta striscia di terra compresa tra Archiano, Bibbiena Stazione e l’Arno. Ci è anche capitato di contestare al Sindaco la scarsa trasparenza di una amministrazione che approva varianti, progetti edilizi che poi sono realizzati dall’impresa del Sindaco (lo avevamo contestato nel caso dell’Eurospin).
Ora un altro supermercato sta facendo la sua nuova sede, la Lidl, sempre a Bibbiena Stazione. In questo caso non si tratta di un nuovo negozio, ma, se abbiamo ben capito, di un ingrandimento o di una nuova sede adiacente alla attuale e ancora in funzione. Ci sarebbe da ridire anche sul tipo di intervento che arriva sulle sponde del fiume Archiano, ma non avendo visto i progetti ci riserviamo di intervenire a ragion veduta.
Il problema che ci ha sorpreso ancora una volta è la ditta che realizza l’intervento, Quando ci è stato detto che era la solita ditta del Sindaco Bernardini, non volevamo crederci. Come è possibile, ci siamo chiesti, che dopo le polemiche sull’Eurospin, il Sindaco ancora una volta andasse a realizzare con la sua impresa un intervento autorizzato dallo stesso comune?
Così abbiamo voluto accertare direttamente andando sul cantiere. Come si può constatare nel cantiere operano i camion della ditta Daniele Benardini, come scritto sugli stessi.
Ma allora ci domandiamo: come si può definire un comportamento di tal genere se non arroganza, mancanza di rispetto, se non delle leggi, di un’etica comune che dovrebbe guidare l’azione di un sindaco!? Errare humanum est, perseverare diabolicum…
Noi siamo allibiti di fronte a tanta arroganza ed a tanto cinismo. Ed anche del silenzio complice che circonda tutte queste vicende. E dire che l’attuale sindaco sembra si stia adoperando al massimo per fare la fusione con Ortignano e potersi candidare a Sindaco per la terza volta.
Questi fatti ci fanno capire che non è senso civico e spirito di servizio, ma qualcosa d’altro!
Noi non contestiamo la legittimità formale dall’intervento e della sua realizzazione, Contestiamo la legittimità etica e la confusione di ruoli tra pubblico e privato.
Se questo è il risultato delle liste civiche apolitiche, che torni, e in fretta, la politica, quella vera e seria. E soprattutto torni il controllo dei cittadini, vita la ormai completa irrilevanza cui sono ridotti i consigli comunali.
Comunicato stampa, 10 aprile 2018
Movimento Arturo, Circolo Bibbiena e Poppi