Museo dell’Arte della Lana: inaugurazione della mostra “Aequilibria”

Doppia Personale di Scultura e Pittura di Sanja Spasic e Lorenzo Montagni

Sabato 10 novembre alle ore 15:30 presso il Museo dell’Arte della Lana verrà inaugurata “Aequilibria” mostra personale di scultura e pittura di Sanja Spasic e Lorenzo Montagni.

La mostra intende offrire al pubblico una selezione della più recente produzione degli artisti, sia pittorica che scultorea. Nella sezione scultorea si sviluppano vari studi della figura realizzati con il legno e con la lana, rispettivamente creati da Lorenzo Montagni e Sanja Spasic. Nelle espressioni pittoriche Lorenzo Montagni presenta composizioni e studi che hanno come soggetto la natura e le forme naturali con la tecnica dell’acquerello.

Lorenzo Montagni si è dedicato da molto tempo all’arte figurativa, nei vari campi della pittura, la scultura e l’incisione. Negli ultimi anni si è appassionato alla pittura dal vero “En plein air”, con tecniche che spaziano dai colori ad olio all’acquerello. Nei suoi viaggi si dedica ai taccuini di viaggio e al disegno. La sua ricerca sulla figura lo ha portato dalla modellazione con la creta alla scultura con vari materiali, dall’alabastro al legno.

Sanja Spasic ha conseguito la laurea all’Accademia delle Belle Arti di Belgrado, negli ultimi anni si dedica alla realizzazione di: sculture morbide attraverso la tecnica dell’infeltrimento a secco della lana, sculture di terracotta, disegni su tela e carta, pittura ad acrilico.

In “Aequilibria” Sanja Spasic presenta lo sviluppo delle sue ricerche sul tema della figura con tecniche grafiche che nello sfumato rievocano l’ordito della lana.

Le sculture di Sanja rappresentano la crescita come inizio della vita, con nuovi impulsi e possibilità espressive date dall’uso innovativo del feltro come materiale scultoreo. Queste sculture esprimono, dalla loro essenza di forma e materiale, valori di tenerezza, di umanità, di difesa dei diritti umani e propongono un percorso di crescita e di condivisione di nuovi valori comunicati con la loro stessa presenza sensibile, visibile e tattile.

La mostra è allestita in forma itinerante nel percorso di visita del Museo, sarà possibile visitarla fino al 17 marzo 2019.

Maggiori informazioni:

Museo dell’Arte della Lana – Lanificio di Stia della “Fondazione Luigi e Simonetta Lombard”

Via G. Sartori 2, Pratovecchio Stia (Ar)

0575.582216 – 338.4184121 http://www.museodellalana.it/

Ultimi Articoli

“Bicicletteide”, le storie del ciclismo in scena nei borghi di Ortignano Raggiolo

Tra martedì 16 e giovedì 18 agosto si terrà una mini-rassegna teatrale a cura di Samuele Boncompagni. Le tre serate di racconti sono in...

Bibbiena e Subbiano, firmata la convenzione per la Centrale Unica di Committenza

Questa mattina i Sindaci dei comuni di Bibbiena e Subbiano, Filippo Vagnoli e Ilaria Mettesini, si sono trovati per una firma importante che porterà...

Nel borgo in musica di Poppi, tante presenze e tanta magia

E’ stata una serata all’insegna della convivialità, della musica, dei desideri e della magia, quella magia che da sempre caratterizza la serata di San...