Musica nei borghi del Casentino, Naturalmente Pianoforte e il Parco Nazionale: un impegno per il futuro

Quest’anno la musica di Naturalmente Pianoforte si espande toccando molti borghi del Casentino: Raggiolo, Quorle, Castel Focognano, Lierna, Castel San Niccolò, Sarna, Montemignaio, Moggiona, Salutio, Talla, Quota e Carda, alcuni appartenenti al territorio del Parco Nazionale delle foreste casentinesi, Monte Falterona e Campigna.

I ragazzi di Tasto89 hanno intervistato il presidente del Parco Luca Santini, che ne ha illustrato la rilevanza e il valore ambientale e culturale.

Il presidente ha sottolineato l’importanza della conservazione della foresta, le cui faggete vetuste sono patrimonio UNESCO: “Gli alberi della riserva di Sasso Fratino vanno dai 70 ai 600 anni: erano già in vita all’età di Piero della Francesca e di Michelangelo”.

Luca Santini su Naturalmente Pianoforte commenta: “Manifestazioni come Naturalmente Pianoforte favoriscono lo sviluppo turistico e promuovono il territorio: ecco perché il Parco si impegna a collaborare con questo progetto. Questa terra è stata di ispirazione per gli artisti del Rinascimento, nel tondo Doni c’è il Monte della Verna, i primi dipinti di Giorgio Vasari si trovano a Camaldoli. Dante nelle sue citazioni di tanti luoghi descrive il Casentino. Le manifestazioni come Naturalmente Pianoforte per questo sono fondamentali. I tanti turisti, circa mezzo milione che pernottano nei comuni del Parco e i circa 5 milioni di visitatori all’anno, quando vengono a visitare l’area protetta per i suoi borghi, oltre che per le sue foreste”.

Sul futuro dei piccoli borghi del parco il Presidente commenta: “I piccoli paesi dell’area protetta avranno un futuro che sicuramente sarà migliore rispetto a quello che avranno i borghi che sono fuori dai parchi, perchè ci sono progetti che permettono loro di svilupparsi nel tempo”.

Santini entra nel merito anche della tutela delle foreste dicendo: “La mia battaglia per il futuro: l’impegno contro la combustione del legno come fonte di energia rinnovabile. Un minuto rispetto a 200 anni: cosa c’è di rinnovabile? Non è sostenibile. Ci vogliono 23 anni per bruciare la totalità degli alberi delle foreste casentinesi. In 23 anni ci troveremmo senza alberi e senza possibilità di produrre energia. Il Parco si impegna a proteggere questa eredità per le future generazioni.”

Il presidente ci lascia con un’importante domanda: “Gli esseri perfetti siamo noi o il mondo vegetale?”

 

Ultimi Articoli

Pratovecchio, “Buono, pulito e giusto”: verso nuove alleanze?

Le realtà del Casentino si avviano verso un nuovo modo di collaborazione che unifichi le progettualità allo scopo di creare sempre più sinergie all’interno...

Un nuovo percorso al Museo Archeologico del Casentino

Domenica 3 luglio alle ore 17 si inaugurerà a Bibbiena un percorso culturale di grande valore per il Museo Archeologico del Casentino. Si tratta...

Imagine Camp, il campo da basket di Santa Maria inaugurato tra emozione e progetti futuri

Domenica 26 giugno è stato inaugurato l’Immagine Camp di Santa Maria, l’undicesima area dedicata ai giovani. Grazie all’interessamento del Rotary Club Casentino l’intera area è...