Nel Parco ragazzi da Russia, Corea del Sud, Repubblica Ceca, Messico, Turchia e Spagna

Nati tra il 1989 e il 1997, provengono – oltre che dall’Italia – da Russia, Corea del Sud, Repubblica Ceca, Messico, Turchia e Spagna. Sono i ragazzi che partecipano – dal 26 giugno al 10 luglio – al turno di volontariato nel parco nazionale delle Foreste casentinesi.

Il programma è organizzato dalla cooperativa In Quiete in collaborazione con lo Youth Action for Peace (YAP).
YAP é un’associazione non governativa e senza fini di lucro. Fondata nel 1970 è membro dei network di volontariato internazionali CCIVS – Coordinating Comitee for International Voluntary Service e ALLIANCE of European Voluntary Service Organisations – realtà operative operative nell’ambito del servizio volontario, dell’educazione e della solidarietà internazionale.
Il programma dei quindici giorni, in tutto il territorio protetto, è denso di iniziative. Oltre alle attività di lavoro (pulizia e piccola risistemazione sentieri, interventi presso i rifugi, gestione faunistica) ai ragazzi verrà data la possibilità di partecipare a escursioni, iniziative di socializzazione e momenti conoscenza nelle materie che hanno attinenza con l’area protetta.
I volontari vengono ospitati nelle strutture di rifugio normalmente a servizio dei tradizionali turni dell’ampio programma di attività annuale curato, per conto del Parco nazionale, dalla cooperativa In Quiete.

“Confido sia possibile continuare e incrementare questa collaborazione con lo Youth Action for Peace. Non posso che essere soddisfatto dell’apertura internazionale che il nostro parco sta dimostrando con questo progetto. Il confronto con ragazzi di altri paesi e la collaborazione per la tutela del patrimonio ambientale sono valori prioritari che vanno difesi e incoraggiati”. Luca Santini, presidente del Parco.

U.s. parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna