Nuovo bando regionale sulla rigenerazione urbana. Ceccarelli: «Dalla Regione un’occasione importante per il territorio»

Vincenzo Ceccarelli

Il capogruppo dem in Consiglio regionale palude: «Scelta in continuità, ad Arezzo già finanziati 7 progetti»

«La Regione ha stanziato altri 5 milioni di euro per finanziare nuovi progetti di rigenerazione urbana nei comuni delle aree interne attraverso un bando che sarà aperto nel mese di giugno. Risorse nuove e importanti per continuare nel percorso che avevamo avviato negli anni scorsi. Proprio in queste settimane sono iniziati i lavori di alcuni dei progetti di rigenerazione urbana che avevo promosso da assessore regionale con delega al governo del territorio. Penso al recupero e alla rifunzionalizzazione degli spazi ferroviari della stazione di Anghiari, alla nuova Scuola di Forgiatura di Stia e alla riqualificazione dell’area di ‘Casa Basagna’ a Poppi. Tra il 2019 e il 2020 abbiamo finanziato con 10 milioni di euro 36 interventi di rigenerazione urbana in tutta le aree interne della Toscana di cui 7 in provincia di Arezzo. La rigenerazione urbana è il riuso di aree e beni già esistenti ma dismessi per evitare l’ulteriore consumo di suolo, guarendo il degrado e restituendo queste aree alle comunità per rinnovare i servizi ai cittadini e offrire nuovi spazi alle attività del territorio. Con la rigenerazione si creano nuove strutture per funzioni innovative, più vicine ai nuovi bisogni nati con i cambiamenti della società. Le nuove e importanti risorse che la Regione investirà nei prossimi anni sono una buona scelta che permetterà di sostenere le amministrazioni comunali nelle loro progettualità più valide e di rispondere alle esigenze dei territori».

Così il consigliere regionale Vincenzo Ceccarelli commenta il nuovo bando sulla rigenerazione urbana per i comuni delle aree interne che la Regione bandirà nelle prossime settimane.