Paolo Agostini torna a tuonare

Sono sempre il Presidente dell’Unione, ma torno in Giunta per l’interesse dei cittadini!

Ho denunciato il segretario Grifagni e i sindaci dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, ho chiesto l’intervento del Prefetto, ho scritto all’Autorità Anticorruzione e alla Regione, ma ancora non succede niente! Così, mentre cerco di portare l’Unione dentro la legalità, i miei colleghi sindaci, sotto la regia del segretario Paolo Grifagni, si danno da fare per alterare la verità con ricostruzioni “fantasiose” del colpo di mano con cui, violando lo Statuto, mi hanno tolto la presidenza e per approvare di corsa una serie di delibere su cui temono la mia posizione, a cominciare dalle vie di fuga per qualche dirigente che pensa di sfuggire alle proprie responsabilità con il prepensionamento o il trasferimento!

E allora, pur rigettando in ogni modo l’arbitraria nomina a presidente di Giampaolo Tellini e continuando nelle iniziative volte a ripristinare nella mia persona la carica di presidente dell’Unione, ho deciso di riprendere a partecipare alle riunioni della Giunta. Come avevo firmato l’accordo con la Regione per il miglioramento della strada panoramica del Pratomagno così, nel superiore interesse dei cittadini –che sono i soli padroni delle istituzioni-, mi siederò al tavolo della Giunta, in attesa di rientrare nel pieno dei poteri di presidente. Ma d’ora in avanti regole nuove: basta con il segretario Grifagni che scrive quattro parole sul registro e così può fare dopo tutte le modifiche che vuole! D’ora in avanti tutti gli argomenti di tutte le riunioni di Giunta dovranno essere verbalizzati e il verbale letto e sottoscritto dai sindaci, con annullamento degli spazi vuoti. A qualcuno potrà sembrare una banalità, ma all’Unione succede questo e altro e c’è un segretario che si sente il padrone anziché il servitore dell’istituzione, comanda i sindaci, nega l’accesso agli atti e nasconde tutte le magagne: è arrivato il momento di farla finita! Cari sindaci casentinesi dell’Unione, i cittadini vi hanno eletto e non mi sognerei mai di mandarvi a casa sostituendomi a loro, ma vi hanno eletto per governare non per essere manipolati da chi dovrebbe prendere disposizioni da voi. E’ arrivata l’ora di scegliere se stare dalla parte di chi sfrutta per sé l’ente pubblico o di chi lo vuole utilizzare al servizio dei cittadini!

CONDIVIDI
Articolo precedenteUn week end con i sapori del Parco
Prossimo articoloLettera aperta ai sindaci dell’Unione
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma vive e scrive a Ponte a Poppi (AR) in Casentino. Nel 2005 ha pubblicato la sua prima raccolta di racconti dal titolo “Adesso sono morto”. Nel 2006, a Castelnuovo di Garfagnana ha vinto il premio di narrativa Loris Biagioni con il racconto “La mozione del beep” e nel 2008 ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Rosso cuore, nero amore” recensito dal sito recensionelibro.it come uno dei migliori dieci esordi dell’anno. È giornalista pubblicista, dal 2009 collabora stabilmente con il magazine CasentinoPiù e dal 2013 ne è Direttore responsabile. Nel 2011, a Monselice (PD) ha vinto il premio nazionale “Il Poeta e il narratore” con il racconto “Bar Mario”. L’anno successivo, 2012, si è classificato secondo allo stesso concorso con il racconto “5 secondi”. Nel 2012 è uscito il suo secondo romanzo: “O di odio” Onirica Edizioni. “Storie e osterie” (Nicolò Caleri Editore-2013) è la sua terza pubblicazione.