Passerella sull’Arno e percorso ciclopedonale: in sicurezza il collegamento tra Poppi e C. San Niccolò

Passerella sull’Arno e percorso ciclopedonale: presentato il progetto che valorizzerà il Cammino di Dante e metterà in sicurezza il collegamento tra Poppi e Castel San Niccolò.
Il comune di Castel San Niccolò, in collaborazione con la Regione, la Provincia e il Comune di Poppi, lo scorso 18 gennaio ha presentato il progetto di realizzazione di un percorso ciclopedonale di collegamento tra le località “Casa Spedale” nel Comune di Castel San Niccolò e Campaldino nel Comune di Poppi, luogo dell’omonima battaglia tra Guelfi e Ghibellini combattuta l’11 giugno del 1289 alla quale parteciparono, tra gli altri Dante Alighieri e Cecco Angiolieri. Il progetto, dal valore di 420 mila euro, ha un duplice obiettivo, ovvero da un lato quello di creare un piccolo itinerario dantesco che valorizzi il contesto storico e le tracce lasciate nel territorio dal Sommo Poeta, dall’altro quello di mettere in sicurezza un tratto di strada frequentato dai giovani nelle ore notturne e ad oggi poco illuminato. La progettazione del percorso rientra nel bando di Poste Italiane pensato per i comuni sotto i 5 mila abitanti ed è stato per questo presentato dal comune di Castel San Niccolò se pur in collaborazione con il comune di Poppi. Il progetto prevede la realizzazione di un tratto di pista in rilevato a margine della SR 70 della Consuma e di una passerella a sbalzo sul ponte dell’Arno che unisce i due comuni e che sarà realizzata con un sistema a mensole collegate alla struttura del ponte. La pavimentazione sarà realizzata con grigliato in acciaio mentre il rivestimento della struttura portante sarà realizzato con moduli in lamiera. Il parapetto da porre in opera sulla passerella dal lato in cui si affaccia sul fiume, prevede montanti in acciaio e pannelli in grigliato e un parapetto in legno. La finitura del percorso su terra sarà invece realizzata in granulato spezzato di travertino. Tutto il nuovo tratto verrà illuminato con tecnologia LED e permetterà la fruizione di persone con ridotte capacità motorie. L’area risulta sottoposta a vincolo paesaggistico. “Il progetto è pensato per la valorizzazione di un percorso storico del nostro territorio ma anche per la messa in sicurezza di un tratto di strata molto frequentato da giovani soprattutto nelle ore notturne – ha spiegato il sindaco di Castel San Niccolò Antonio Fani – nell’augurarmi che si giunga ad un completo finanziamento dell’opera, ringrazio comunque tutti gli amministratori degli Enti coinvolti i quali hanno aderito con grande disponibilità e con i quali, in caso di finanziamento, procederemo con la stipula di protocolli di intesa ad hoc. Ringrazio i professionisti che si sono adoperati alla redazione del PTFE, il personale dell’ufficio tecnico comunale e i miei collaboratori che hanno portato avanti l’idea progettuale, in primis la signora Lina Maggi”.

Poppi, 24 gennaio 2020

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa