Poppi e Palafolls, 29 anni di gemellaggio

Prosegue, nonostante il rinnovo delle due amministrazioni comunali, il rapporto che da oltre 29 anni unisce Poppi a Palafolls, paese della costa Brava spagnola.
Lo scorso fine settimana il consigliere con delega al gemellaggio Claudio Barolo, supportato dall’assessore Marco Seri, anche se in extremis, sono riusciti a mettere insieme un gruppo di persone per onorare l’impegno del gemellaggio.
Alla festa di Palafolls era presente anche la delegazione Francese di Ax Les Thermes, il paese anch’esso gemellato con Poppi, e in presenza di tutto il Consiglio comunale catalano e ai cittadini di Palafolls, si è tenuto un incontro Istituzionale dove Claudio Barolo ha portato il saluto del Sindaco Carlo Toni e di tutta l’amministrazione comunale di Poppi, trasmettendo la volontà di dare una spinta costruttiva e inclusiva, coinvolgendo in futuro la cittadinanza di Poppi, che si spera vorrà partecipare alla prossima edizione: 30 anni di gemellaggio. A tale proposito il sindaco di Palafolls, Francesc Alemany Martinez, nei primi mesi del 2020 verrà in visita a Poppi, per definire il programma e le iniziative da inserire nei festeggiamenti del trentesimo anno di gemellaggio.
Sono stati quattro giorni intensi, laboriosi e faticosi, ma la soddisfazione raccolta da questo team ha superato largamente tutti gli sforzi, oltrepassando gli ostacoli organizzativi presentatisi lungo il cammino.
Ci sembra doveroso dare un grazie a coloro che sentitamente si sono messi in gioco, anche se non tutti appartenenti al comune di Poppi, ma che con spirito di vera amicizia si sono resi disponibili. Un grazie a Claudio Barolo, Marco Seri, Martina Seri, Laura Boldrini e Widmer Ugolini “il badiano”, tutti del comune di Poppi, Lorenza Benucci di Strada in Casentino, Giovanni Soldani di Bibbiena e Fabrizio Barbagianni di Perugia.
Tutti insieme hanno assaporato il trionfo di una festa ben gestita dove sono stati preparati oltre 140 kg di pastasciutta italiana preparata con sapienza. La pasta ha fatto da padrona sotto lo sventolio verde, bianco e rosso della bandiera italiana.
Grazie e al prossimo anno!

C.s.