Poppi, presentazione del libro di Tito Barbini

Appuntamento domenica 10 aprile alle 18 al Castello dei Conti Guidi
L’ex sindaco di Cortona, Presidente della Provincia di Arezzo e Assessore Regionale Tito Barbini presenterà anche in Casentino, al Castello dei Conti Guidi di Poppi, il suo libro di recente pubblicazione dal titolo “Quell’idea che ci era sembrata così bella” (Aska Edizioni). L’incontro si svolgerà domenica prossima 10 aprile alle ore 18.
Il libro viene descritto come “Un viaggio a ritroso dietro ai fallimenti e alle delusioni della grande utopia comunista, ma anche dietro a quel patrimonio di idee e di sentimenti di quanti – come Tito Barbini – si sono spesi per un’idea che prometteva giustizia, eguaglianza, libertà. Tra le pagine si intrecciano la Storia maggiore e quella minore. I grandi personaggi come Mitterrand, Berlinguer, Gorbaciov e le persone che solo gli affetti custodiscono nel ricordo, come il padre, operaio comunista. I ricordi personali – dall’infanzia a Cortona al Sessantotto, dall’impegno nel Partito ad Arezzo al Comitato Centrale del PCI – e i grandi scenari nazionali o i misteri di Italia, a partire dalla Loggia P2 di Gelli”. Mezzo secolo di vita politica e istituzionale nel filo di un racconto che mette testa e cuore. Una testimonianza diretta ma anche una cronaca puntuale, a tratti severa, della storia della sinistra. Parteciperanno alla presentazione anche l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli e l’ex sindaco di Bibbiena Giorgio Renzi. Coordina Francesco Ruscelli.
Tito Barbini ha oggi 70 anni. Sindaco di Cortona dal 1970 al 1980, fu poi presidente della provincia di Arezzo. Eletto consigliere regionale nel maggio del 1990, ha ricoperto gli incarichi di assessore alla sanità, all’urbanistica e all’agricoltura nella Giunta Regionale. È stato segretario della Federazione aretina del PCI e membro del Comitato centrale dello stesso fino al XIX congresso del 1990. Amico personale del Presidente francese Francois Mitterrand, nel 2004 ha interrotto la sua esperienza politica per intraprendere un viaggio di 100 giorni, con uno zaino come bagaglio, che lo ha portato dalla Patagonia all’Alaska. Al ritorno ha scritto il libro “Le nuvole non chiedono permesso”, e da allora si è dedicato prevalentemente alla scrittura.
 
Poppi, 05 aprile 2016.
Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa