Poppi, via Becarino: una discarica a cielo aperto!

Riceviamo le seguenti foto, e la conseguente segnalazione, da una nostra lettrice che, giustamente, si lamenta dello stato di degrado in cui versano alcuni cassonetti della spazzatura siti a Poppi, in via Becarino, proprio davanti al borgo di Strumi. Le pubblichiamo volentieri e continuiamo la nostra battaglia contro gli “imbecilli” che abbandonano rifiuti ingombranti e inquinanti pensando di essere furbi. E approfittiamo dell’occasione per ricordare, per l’ennesima volta, che SEI Toscana effettua un servizio gratuito ed efficiente di ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti. Basta collegarsi al sito di SEI Toscana, compilare il modulo online, e si è subito richiamati per fissare un appuntamento per il ritiro. Andare a cercare in giro per il Casentino cassonetti appartati per gettare nottetempo i rifiuti indesiderati, oltre ad essere un’inutile perdita di tempo, è anche incivile e molto stupido.

1. img-20161102-wa0000

6

2. img-20161102-wa0002

6

3. img-20161102-wa0003

6

4. img-20161102-wa0005

6

5. img-20161102-wa0004

6

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl museo di Bibbiena riapre la sezione altomedievale
Prossimo articoloStia, Museo della Lana: 50 anni dall’inondazione di Firenze
Maria Maddalena Bernacchi
Maria Maddalena Bernacchi, nata a Compito, Chiusi della Verna, vive e lavora tra Compito ed Arezzo. Negli ultimi anni dell’istituto magistrale “Vittoria Colonna” di Arezzo ha collaborato al settimanale “La Voce” ed al quotidiano “La Nazione”. Specializzata in fisiopatologia ha insegnato ad Arezzo per quarant’anni. Quale insegnante tutor di storia per il Provveditorato agli Studi di Arezzo ha tenuto corsi di formazione sulla didattica della storia contemporanea pubblicando “Il campo-profughi di Laterina” e “Dal locale al globale, esperienze per l’insegnamento della storia”. Per la nipote ha scritto e pubblicato “Ninne-nanne, filastrocche, proverbi e… Una nonna si racconta”. Collabora con Casentinopiù dal 2010, tenendo, con la figlia Silvia la rubrica “Storia e Territorio”.