Poste, ecco il “decalogo” per i piccoli Comuni

Continua l’azione con Anci Toscana per mantenere i servizi nelle zone montane e rurali

Prosegue l’azione dei Sindaci di montagna per il mantenimento dei servizi postali in zone periferiche, e la novità per il 2019 sarà un tavolo congiunto per discutere di un vero e proprio decalogo, da siglare fra Poste Italiane e i rappresentanti dei Comuni coordinati da Anci Toscana. Già lo scorso 10 ottobre, presso la sede di ANCI Toscana, si è svolto un incontro con il responsabile di area territoriale Centro Nord di Poste Italiane ed i responsabili dei vari settori di riferimento, per affrontare la questione relativa al mantenimento degli uffici postali presenti nei comuni di montagna o nelle aree più svantaggiate, unitamente alle problematicità correlate all’attivazione della consegna a giorni alterni.
Dato il valore sociale del servizio nei territori, è stato aperto un confronto sulle criticità ed è stato richiesto di adottare un modello comunicativo che coinvolga i territori nelle scelte e nella condivisione delle strategie. I Sindaci hanno richiesto la costituzione di un tavolo permanente contenuto in un Protocollo tra Anci Toscana e Poste Italiane, utile a definire un programma di azioni condivise. Durante la giornata che Poste Italiane ha organizzato con i piccoli comuni italiani il 26 novembre a Roma, al quale erano presenti per il Casentino i Comuni di Chiusi della Verna e Castel San Niccolò, l’amministratore delegato Del Fante ha presentato il “Decalogo di impegni” che Poste si assume in particolare verso i Comuni di piccola dimensione, per recepire le richieste avanzate dai territori e di cui Anci si è fatta portatrice, in particolare quelle relative alla chiusura, spesso non concertata degli uffici postali nei piccoli Comuni. Ecco i 10 punti presentati a Roma, su cui il prossimo anno ci sarà un confronto per comprenderne lo stato di attuazione:
1. Nessuna chiusura degli uffici postali nei piccoli Comuni;
2. Ufficio centrale dedicato a supporto dei piccoli Comuni;
3. Nuovi Atm con servizi di postamat;
4. Portalettere a domicilio e collaborazione con i tabaccai per farli diventare ‘punti’ Poste;
5. Wi-fi gratuito negli uffici postali dei piccoli Comuni;
6. Servizio di tesoreria per i piccoli Comuni in partnership con Cassa Depositi e Prestiti;
7. Potenziamento dei servizi di videosorveglianza nelle aree limitrofe agli uffici postali e integrate con le altre pubbliche;
8. Abbattimento delle barriere architettoniche;
9. Progetti immobiliari di solidarietà sociale;
10. Rafforzamento del servizio di Poste nei Comuni turistici.
Il tavolo di confronto partirà appunto nel 2019, per dare attuazione a questi punti ed essere luogo di discussione su eventuali altre problematiche territoriali.

Poppi, 13 dicembre 2018.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa