Nicolò Caleri, Sindaco di Pratovecchio Stia

I lavori che rientrano nel piano di valorizzazione dei centri commerciali naturali, prevedono l’installazione di 34 nuovi corpi luminosi in Via Garibaldi a Pratovecchio e di nuove pensiline porta bici nell’area della Pesa, a Stia, già oggetto di un più ampio progetto di valorizzazione. Gli interventi saranno finanziati dal bando regionale per la qualificazione dei centri commerciali naturali, mediante la realizzazione appunto di infrastrutture per il turismo e il commercio. L’amministrazione comunale ha potuto partecipare in quanto dal 2014, in seguito alla fusione, è stato istituito un unico centro commerciale naturale che comprende entrambi i centri commerciali di Pratovecchio e Stia, in una fascia che va dalla ferrovia al fiume e da Piazza Tanucci sino alla Badia, con esclusione delle sole aree dedicate alla media distribuzione. Il progetto, approvato dalla Regione e finanziato con circa 20 mila euro, prevede un’azione di “relamping” sotto i portici di Via Garibaldi, area centrale per il commercio locale. Qui sarà migliorato il comfort visivo e la luminosità della zona mediante l’installazione di 34 nuovi corpi illuminanti a led. A Stia invece, pensando alle infrastrutture di supporto al turismo, sarà installata una pensilina portabici in prossimità dell’ormai dismessa pesa pubblica. L’intervento si inserisce all’interno del più ampio progetto di valorizzazione dell’intera piazza e in modo particolare dell’area della pesa, che sarà a breve trasformata in punto di informazioni turistiche. “Un altro risultato ottenuto per la valorizzazione turistica e commerciale dei due paesi – ha commentato il sindaco Nicolò Caleri – per il raggiungimento di tale risultato voglio ringraziare l’architetta Cristiana Lenti e il responsabile dell’illuminazione pubblica Arnaldo Spigliantini, autori del progetto, la referente comunale per la ricerca dei finanziamenti Daniela Vecchio, nonché Luca Boccalini di Confcommercio Casentino per la collaborazione prestata”.

Comunicato stampa
Unione dei Comuni Montani del Casentino
Poppi, 9 Marzo 2019