Pratovecchio, tre nuovi volontari al distaccamento dei Vigili del Fuoco.

Mentre il distaccamento dei vigili del fuoco volontari di Pratovecchio si appresta a tagliare il traguardo dei 125 anni dalla fondazione (la ricorrenza cadrà nel 2017), nuove forze giungono a rimpinguare l’organico. Tre giovani altocasentinesi, seguendo la scia che molti altri compaesani hanno tracciato in tutto questo tempo, hanno superato recentemente il corso di formazione come volontari svoltosi a Roma Capannelle, presso la Scuola Centrale Antincendio. Si tratta di Riccardo Amadori, Samuele Caratini e Claudio Serra, tutti in età compresa fra i 20 ed i 30 anni, che pur di coronare il loro sogno di essere vigili del fuoco volontari hanno affrontato il corso di formazione iniziale, poi la scuola romana ed il severo test finale di ammissione. „Siamo molto contenti – ha detto il responsabile del distaccamento Nicola Gensini – e vogliamo ringraziare per primi i tre giovani per l’impegno che hanno profuso in questa avventura, e anche il Camdo Provinciale di Arezzo con il Comandante Dott. Paolo Qualizza, che ha consentito ai ragazzi di acquisire le nozioni necessarie a sostenere le fasi successive. I nostri giovani sono stati entusiasti della formazione ricevuta ad Arezzo, e la Toscana in generale si conferma come una delle regioni più virtuose in questo senso“. Alla caserma di Pratovecchio rinnovano scherzando la leggenda di quando nacque il distaccamento, nel 1892, e si diceva che i vigili del fuoco volontari avessero un successo particolare con il sesso debole. Anche oggi che le cose sono cambiate, si sottolinea comunque con piacere che „Le adesioni dei giovani per fortuna non mancano, e ci sono altri 5 ragazzi pronti a ricevere la formazione necessaria ed entrare poi a far parte della nostra squadra“. Una squadra dunque recentemente arricchita, con Riccardo, Samuele e Claudio pronti a dare il loro contributo a questa associazione di volontariato che resta una delle più amate del paese.

Nella foto, i 3 nuovi vigili del fuoco volontari di Pratovecchio: da sinistra Claudio Serra, Samuele Caratini e Riccardo Amadori

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa