Regolamento edilizio di vallata, inizia la fase del recepimento nei singoli Comuni

Il regolamento edilizio unico di vallata, che riguarda tutti i Comuni del Casentino da Pratovecchio Stia a Capolona, ha ormai completato la sua lunga fase istruttoria seguita alla prima stesura redatta quasi un anno fa. Da allora, hanno contribuito ad emendarlo con le loro rispettive osservazioni la Asl, soggetto titolato anche ad apporre eventuali veti, gli ordini e collegi professionali, i tecnici di tutti i comuni coinvolti. Il nuovo regolamento, aggiornato col recepimento delle osservazioni presentate, è stato inviato in questi giorni a tutti i Comuni da parte dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, il soggetto che in pratica attraverso un coordinamento condotto dal geom. Carlo Rossi ha agito da capofila per questa iniziativa, che va nella direzione di semplificare la burocrazia e unificare il linguaggio con il quale i cittadini si interfacciano ai Comuni per le pratiche edilizie. Si vuole superare una situazione di diversità – e non di rado incongruità – ereditata dal passato. Il nuovo regolamento edilizio è stato dunque accompagnato da una lettera e da uno schema di delibera, per esortare i Comuni a portare l’elaborato quanto prima nelle rispettive sedute consiliari, dando atto dell’imponente lavoro svolto e renderlo operativo già dal primo dell’anno. “E’ stato raggiunto – precisa il vicepresidente dell’Unione Giampaolo Tellini – un obiettivo fondamentale, grazie a tutti coloro che ci hanno lavorato. Era questo uno dei punti fondamentali dai quali ripartire nell’estate del 2015, un progetto rimasto per anni fermo in un cassetto e che andava solo portato a termine con volontà e pazienza”. Quello del regolamento edilizio unico è infatti un procedimento nato sulla spinta degli ordini professionali, che già da alcuni anni sollecitano le Istituzioni al compimento di quest’opera. Finora infatti, ogni comune ha le sue proprie norme, con differenze notevoli anche fra territori limitrofi, e ciò ha creato difficoltà a cittadini, professionisti e imprese per molto tempo. Anche a livello regionale la nuova Legge 65 del novembre 2014, aveva indotto i Comuni a riprendere in mano la questione dei regolamenti urbanistici ed edilizi. In questo percorso nella bozza di regolamento unico si è anche previsto che siano uniformati, in tutti i comuni del Casentino, la modulistica, l’istruttoria delle pratiche, l’intero pacchetto sanzionatorio. Tellini conclude auspicando “Che i Comuni approvino al più presto questo documento nei Consigli, per dare al Casentino un nuovo strumento al passo coi tempi nel segno della semplificazione”.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa