La campagna elettorale per l’elezione del nuovo sindaco di Subbiano entra nel vivo e finalmente si inizia a parlare di programmi e di prospettive future per la cittadina basso casentinese.
Rinascimento subbianese ha fatto una proposta molto innovativa che sta già riscuotendo un grande apprezzamento dalla popolazione: un programma semplice e chiaro, sviluppato in sei punti che rappresentano una base di partenza per tutto ciò che sarà la programmazione del prossimo quinquennio.
In estrema sintesi i temi toccati – sostiene Carlo Iannattone, candidato sindaco – sono alla base proprio di quella rinascita che tutti i cittadini aspettano da tempo e che danno il senso della visione politica della nostra lista:
– Edilizia popolare e “Sanità di Borgo” (assistenza gratuita per i meno abbienti);
– Riqualificazione e rilancio del Centro Storico con forme d’arte permanente per attirare flussi turistici costanti;
– Coinvolgimento delle associazioni in operazioni di interscambio internazionale – “Subbiano nel mondo” – di natura culturale, sportiva, enogastronomica, ecc.;
– Creazione di occupazione e integrazione recuperando e mettendo a coltura i terreni dell’Opera Pia Boschi, creando un piano industriale di modernità agricola;
– Interventi a favore del recupero dei plessi scolastici (adesso chiusi) in tempi ragionevolmente brevi;
– Avvicinamento delle frazioni al Capoluogo con la creazione di una loro partecipazione attiva a consigli comunali dedicati.
Poche cose, fatte bene, che sfruttando tutti i contributi possibili non andranno a toccare le tasche dei cittadini.

Comunicato stampa
Rinascimento subbianese
Subbiano, 9 maggio 2019