Ritrovato un ordigno bellico alla Verna

A causa dei venti forti che qualche mese fa si sono abbattuti, nuovamente, sulla Verna e sulle millenarie foreste che circondano il Santuario francescano, altre piante sono cadute ed a causa di questo ultimo evento, è stato riportato alla luce un ordigno bellico della Seconda Guerra Mondiale. Grazie alla collaborazione tra i frati della Verna, l’amministrazione comunale di Chiusi, i carabinieri ed il prefetto, si è quindi deciso di chiudere la strada che dalla Melosa conduce al santuario per procedere poi al trasporto della bomba, fatto da unità specializzate, presso il campo sportivo del vicino comune dove l’ordigno è stato fatto brillare. Un lavoro sinergico che ha portato a risolvere positivamente l’accaduto.

CONDIVIDI
Articolo precedenteI Malarima: quando la musica è una macchina del tempo
Prossimo articoloPonte a Poppi, il Torneo dei Rioni torna a casa!
Silvia Bianchi
Nata ad Arezzo da genitori casentinesi vive e lavora tra Arezzo e Firenze. Dottorata in archivistica, ha una seconda laurea in Storia. Studia e lavora negli archivi pubblici e privati da oltre dieci anni. Si occupa di inventariazione, studio documentario, didattica in archivio. Scrive per “La Nazione” e “Toscana Oggi”. Ha pubblicato contributi ed articoli per riviste specialistiche di storia ed archivistica, oltre che il testo dal titolo “L’Archivio dell’ONMI – Federazione Provinciale di Arezzo”. Collabora con Casentinopiù dal 2010 tenendo una rubrica con la madre Maria Maddalena dal titolo “Storia e Territorio”.