Roberta Masetti, la stylist casentinese all’Eurovision Song Contest

L’Eurovision Song Contest di quest’anno si è tenuto il 10, il 12 e il 14 maggio a Torino al PalaOlimpico. È stata un’edizione da record: il programma ha ricevuto un boom di ascolti mai visto ed ha raggiunto ben il 43,3% di share europeo. Anche in Italia è stato molto seguito, tanto che la finale ha realizzato il 41,9% di share.

Nello staff della kermesse è stata presente anche la casentinese Roberta Masetti, titolare del salone Free Look al Corsalone.

Ci parli un po’ del tuo percorso professionale e formativo?

Il mio percorso lavorativo nasce da parrucchiera, però ho sempre cercato, con corsi di formazione tramite aziende, di accrescere le mie competenze. Negli ultimi due anni, durante il Covid, ho iniziato a fare formazione a livello tecnico per un’azienda per cui lavoro e, riguardo il trucco e il parrucco, ho anche partecipato ad eventi nazionali del mondo dello spettacolo, della musica e della televisione.

Quali sono gli aspetti che ti piacciono di più del tuo lavoro di stylist?

Esaltare la personalità e portare al “top” ogni persona, sia in salone che agli eventi. Quando vado a fare eventi riguardanti il mondo dello spettacolo e mi richiedono di fare dei lavori un pochino più complessi, è bello vedere che ho le capacità, grazie allo studio e all’accademia che sto facendo, di riuscire a realizzare qualsiasi richiesta che mi viene fatta.

Cosa consiglieresti a chi vuole intraprendere la tua professione?

Di essere sempre ambiziosi e curiosi perché si impara tutto ed è un bel lavoro. Il ruolo di parrucchiere nasce un po’ come quello della dama di compagnia, ma negli ultimi anni si è evoluto molto. Serve competenza, professionalità e molto studio e di conseguenza è un mestiere che da tanta soddisfazione.

Come è nata la tua collaborazione lavorativa con  l’Eurovision Song Contest? Quali sono gli artisti a cui hai curato il look durante la manifestazione?

La collaborazione con l’ESC è nata perché ho iniziato a fare l’accademia di trucco ad Alessandria. Lì ho fatto il primo anno, dopo di che, grazie a Paolo che mi ha inserito in un team dove lui fa questi eventi, ho iniziato con il Power Hits a Verona. Poi ho fatto il Festival di Sanremo 2021 e 2022, il Seat Music Awards  e l’Eurovision di quest’anno, che era in Italia. Sono stata chiamata per la prima puntata dell’Eurovision e ho seguito gli ospiti internazionali: Sophie & The Giants, Dardust, Benny Benassi e Diodato.

Come sono svolte le tue giornate durante la kermesse?

Sono andata su a Torino il lunedì, perché la puntata si svolgeva di martedì. Durante le giornate sono stata sempre dietro ai miei artisti, ero sempre disponibile h24 perché avevano molte interviste con i giornali, Tik Tok e le varie radio televisive, quindi dovevo essere sempre pronta ad un’eventuale chiamata per ritoccare sia il trucco che il parrucco.

 Come è stato partecipare all’Eurovision?

È stato molto bello. Mi sono avvicinata a questo mondo negli ultimi due anni, in un’epoca Covid, dove non c’era un backstage all’interno. Infatti non sono potuta entrare al PalaOlimpico perché non ti facevano passare, quindi ho seguito direttamente gli artisti nell’hotel dove alloggiavano. In questo maniera però vivi  l’evento in un modo più personale, perché entri nell’ambiente più intimo dell’artista, vivendo in prima persona sia lo stress da pre-esibizione che quello da pre-intervista. Quando ho fatto il Seat Music Awards, nell’Arena di Verona con il backstage, è stato molto meno personale perché gli artisti arrivavano e poi se ne andavano via subito dopo il trucco e il parrucco. Mentre all’ESC era come se fossi a casa dell’artista e quindi si è instaurato un rapporto molto più umano.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Di progetti futuri ce ne sono tanti tra cui il programma in memoria di Lucio Dalla del 2 giugno a Verona e Generazione Zeta di Radio Zeta a Roma il 9 giugno. Gli eventi stanno ripartendo e quindi bisognerebbe essere sempre in macchina e ripartire.

 

Valentina Fiorini
Valentina Fiorini
Nata nel 1992, cresce a Pratovecchio Stia (AR) per poi trasferirsi per alcuni anni a Pisa. Si è diplomata in Informatica all’ISIS Enrico Fermi di Bibbiena (AR). Successivamente si è laureata a Pisa in Informatica Umanistica. Nel 2019 ha conseguito una certificazione in Web Design. Durante il periodo di studi all’università ha svolto un tirocinio curricolare come catalogatrice bibliotecaria presso la Biblioteca di Pratovecchio Stia, scrivendo poi una tesi dedicata al funzionamento della catalogazione online dei volumi della biblioteca riguardanti il Casentino con un’accurata analisi per la loro corretta collocazione, secondo le regole REICAT di catalogazione, nell’OPAC aretino. Attualmente lavora come Web Designer, Social Media Manager, SEO (Search Engine Optimization) Specialist, Editor di video e programmatrice informatica. Collabora con l’Associazione Culturale Scrivi la tua storia e con il Premio Letterario Donne tra ricordi e futuro. Ha svolto il ruolo di mentor nell’associazione Pisa CoderDojo, che si occupa di spiegare in maniera semplice e divertente le basi dell’informatica ai bambini. Ha molti hobby fra cui il disegno, il crafting, la fotografia, la cucina, la lettura e la scrittura. Ha una grande passione per la cultura pop e in generale per tutto quello che riguarda i fumetti, i libri, le serie tv, i videogiochi, la musica e il cinema. Dal 2021 collabora con Casentino Più.

Ultimi Articoli

Pratovecchio, “Buono, pulito e giusto”: verso nuove alleanze?

Le realtà del Casentino si avviano verso un nuovo modo di collaborazione che unifichi le progettualità allo scopo di creare sempre più sinergie all’interno...

Un nuovo percorso al Museo Archeologico del Casentino

Domenica 3 luglio alle ore 17 si inaugurerà a Bibbiena un percorso culturale di grande valore per il Museo Archeologico del Casentino. Si tratta...

Imagine Camp, il campo da basket di Santa Maria inaugurato tra emozione e progetti futuri

Domenica 26 giugno è stato inaugurato l’Immagine Camp di Santa Maria, l’undicesima area dedicata ai giovani. Grazie all’interessamento del Rotary Club Casentino l’intera area è...