“Romanzo forestale”, l’ultimo libro di Fabio Clauser

Fabio Clauser presenta il suo ultimo libro al Palagio Fiorentino di Stia

Il prossimo giovedì 4 agosto alle ore 18 al Palagio Fiorentino di Stia (ingresso libero) sarà presentato l’ultimo libro del Dott. Fabio Clauser, dal titolo “Romanzo forestale – boschi, foreste e forestali del mio tempo” . L’evento è stato organizzato dal Comune con la collaborazione dell’UNIEL (Università dell’età Libera Enzo Ficai – Sezione di Pratovecchio).
Oltre alla presenza dell’autore, sono previsti gli interventi di Nicolò Caleri Sindaco di Pratovecchio Stia, Luca Santini Presidente dell’Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e Giovanni Quilghini, Vice questore aggiunto forestale e capo Ufficio territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato di Pratovecchio. Nel corso dell’incontro sarà possibile anche acquistare il volume, che traccia una parte significativa della storia delle foreste Casentinesi dal punto di vista di un Amministratore che fra gli anni ’50 ed i ’70 del secolo scorso ne ha tracciato il profilo ed il futuro, favorendo lo sviluppo del patrimonio boschivo giunto ai giorni nostri. Un esempio su tutti la nascita della Riserva Integrale di Sasso Fratino, oggi candidata al riconoscimento di patrimonio mondiale dell’umanità da parte dell’UNESCO.

Poppi, 30 luglio 2016.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa

Ultimi Articoli

L’Ambito Turistico Casentino non si ferma: living lab con gli operatori

Dopo la progettazione per la partecipazione al bando regionale riprende l’attività con gli operatori, appuntamento con il Living Lab, strategie di ambito condivise, per...

Dall’Erasmus Plus alle panchine rosse contro la violenza sulle donne

Comune di Bibbiena, Istituto Comprensivo Dovizi, Lions Club e Rotary Club insieme per un progetto sul futuro Questa mattina alla presenza dell’Assessore alla Pubblica...

Alleanza Verdi Sinistra – Arezzo: “Contrari alla stazione alta velocità Medioetruria”

«Stazione “Medioetruria”, a chi serve un’altra stazione decentrata e collegata con treni lenti ad Arezzo, Siena e Perugia?» «Le richieste di costruire una nuova stazione...