Sardegna: in corso il più imponente degli interventi Baraclit

DCIM100MEDIADJI_0660.JPG

Destinatario dell’opera da oltre 16.000 mq – la multinazionale IMI plc per la nuova sede di IMI Remosa. Partner per la logistica integrata via mare – il Gruppo Grendi 1828

La commessa consiste nella costruzione di un nuovo stabilimento industriale a Uta (CA) che comporta la spedizione via mare e il montaggio di oltre 1.000 manufatti strutturali prefabbricati in cemento armato, tra cui 100 elementi speciali di copertura ALIANT per uno sviluppo complessivo di 2,25 km. Un enorme sforzo logistico e organizzativo da completare in meno di 5 mesi, per il quale IMI Remosa, leader mondiale nella progettazione e produzione di componenti per il settore Petrolchimico-Gas, ha scelto Baraclit come partner ideale per l’esperienza e l’affidabilità nella gestione di grandi interventi di edilizia industrializzata.

IMI Remosa, società di Engineering attiva nella progettazione e produzione di valvole e sistemi di attuazione idraulica per applicazioni critiche nelle industrie petrolchimiche, fondata nel 1955 dalla famiglia Mambrini con il nome di ‘Remosa’ e fusa nel 2012 con la multinazionale inglese IMI plc, si trasferisce dalla storica sede di Via Pula (Cagliari) alla Z.I. Macchiareddu nel comune di Uta (CA), dove a giugno scorso ha aperto il cantiere del nuovo sito con le prime opere di fondazione eseguite da Impresa Pellegrini, in veste di General Contractor. L’intervento richiesto a Baraclit prevede la realizzazione di una palazzina direzionale bipiano di 2.600 mq e di un edificio monopiano di 14.000 mq destinato all’area produttiva, in cui sono stati impiegati pilastri con prestazioni strutturali elevate (carroponti da 60 ton), elementi di copertura del sistema Aliant Spazio e pareti con pannelli architettonici in graniglia di marmo bianco di Carrara.

Si tratta di un complesso industriale all’avanguardia fortemente voluto da IMI Remosa e affidato a Baraclit come partner costruttivo per la sua solidità finanziaria, gli alti standard qualitativi e le comprovate capacità logistico-organizzative che le consentono di gestire in modo efficiente grossi cantieri anche fuori continente. Per questo lavoro, il più esteso tra quelli realizzati finora in Sardegna, Baraclit ha messo a punto con il Gruppo di navigazione Grendi (servizi di logistica integrata) un sistema alternativo di trasporto eccezionale via mare studiato su misura. Le strutture prefabbricate prodotte a Bibbiena (AR) vengono spedite dallo scalo marittimo toscano di Marina di Carrara al porto di Cagliari, imbarcandole direttamente su appositi equipaggiamenti – “cassette” – in grado di accogliere pezzi speciali di 26 metri per una portata totale di 55 tonnellate e disimpegnare così i mezzi pesanti nelle traversate. L’innovativa tecnologia utilizzata da Grendi coniuga efficienza e sostenibilità ambientale e permette un’organizzazione più snella, con minori incognite e maggiore produttività del montaggio nel cantiere di destinazione, ottimizzando tempo e costi.

L’operazione per IMI Remosa conferma dunque le abilità produttive e gestionali di Baraclit, oltre a rafforzare la sua presenza in Sardegna, attiva dai primi anni ’90 e sempre più radicata sul mercato. Nuovi sviluppi vedranno ancora l’azienda toscana protagonista nel 2022, grazie all’acquisizione di importanti commesse nei settori della nautica, logistica e alimentare, estendendo ulteriormente il suo portfolio di realizzazioni che già oggi supera le 200 referenze nell’isola.