Servizi ferroviari, dal 7 gennaio potenziamenti sulle tratte a più alta frequentazione di studenti e pendolari

In vista della riapertura delle scuole in presenza, il Presidente del Gruppo Lfi Spa illustra le novità che saranno introdotte per garantire il servizio in sicurezza e nel rispetto delle regole vigenti

Seri: “Nella stazione di Arezzo e nelle altre principali delle tratte di nostra competenza garantiremo controlli a terra. Siamo pronti ad intervenire con ulteriori potenziamenti dove si renderà necessario”
“Anche Lfi Spa è pronta a fare la sua parte nel garantire servizi di trasporto ferroviari compatibili con le esigenze degli studenti che si apprestano a tornare in aula in presenza a partire da giovedì 7 gennaio 2021. Siamo soddisfatti di aver portato il nostro contributo nei tavoli di coordinamento territoriali con i Prefetti e con il mondo della scuola a cui abbiamo partecipato”.
Il Presidente del Gruppo Lfi Spa, Maurizio Seri, illustra le novità organizzative che l’azienda di trasporto ferroviario che opera nelle province di Arezzo e Siena introdurrà dal 7 gennaio, in coincidenza con la prevista riapertura delle scuole.
“I servizi ferroviari, così come avverrà per il Tpl su gomma – spiega Seri – si svolgeranno in questa fase fino ad un massimo del 50% della capienza prevista a bordo. I nostri convogli saranno oggetto di interventi di sanificazione continuativi e, nel rispetto del vigente Dpcm, non potendo svolgere attività di controllo a bordo dei treni, attiveremo la controlleria a terra. Presso le stazioni ferroviarie di Arezzo ma anche delle principali fermate delle tratte del Casentino e della Valdichiana (Poppi, Bibbiena, Rassina, Subbiano), garantiremo controlli sul rispetto delle regole da parte dei passeggeri, ovvero l’obbligo di indossare la mascherina, di rispettare le distanze di sicurezza a bordo nonché, ovviamente, sul regolare possesso del titolo di viaggio per chi sale a bordo. Inoltre, con alcuni comuni del territorio abbiamo concordato delle forme di collaborazione con la Polizia Municipale al fine di effettuare ulteriori controlli per evitare assembramenti di studenti in prossimità delle fermate a maggiore frequentazione. Ci auguriamo che tutte queste misure possano garantire quella indispensabile continuità didattica che i nostri ragazzi necessitano”.
“Per quanto riguarda il potenziamento dei collegamenti – conclude Seri – monitoreremo quotidianamente le eventuali necessità che potranno originarsi. Già dal 7 gennaio, ad esempio, abbiamo predisposto in collaborazione con Tiemme un bus aggiuntivo sulla tratta ferroviaria tra Subbiano e Capolona così da poter smistare gli studenti sui rispettivi mezzi di trasporto. Infine, sul tema dei rimborsi degli abbonamenti non completamente goduti dai nostri utenti, nel comprendere il loro disagio ci auspichiamo un intervento da parte di Governo e Regione Toscana con eventuali forme di ristoro, compensazione o proroga delle validità”.

Comunicato stampa Lfi

Ultimi Articoli

Analisi e previsioni sull’economia tedesca: rallentamento e prospettive per il futuro

L'economia tedesca si trova attualmente di fronte a sfide significative, come evidenziato dalle previsioni per il 2024. Gli indicatori principali attualmente disponibili non indicano...

D.R.E.Am Italia compie 45 anni di vita

21 milioni di euro da finanziamento europeo portati sui territori in 20 anni di attività sul progetto LIFE insieme a altri partners D.R.E.Am  Italia, l’azienda...

All’Isis Fermi di Bibbiena la “Bottega dell’Arte”: un laboratorio di pittura per studenti con disabilità e una mostra

“Talvolta le magie sono più concrete di quello che si può pensare. La magia è quando alcune persone di buona volontà si mettono insieme...