Si parla di fusioni

  Il tema delle fusioni tra i comuni del Casentino è, ormai tempo, al centro del dibattito politico della vallata.

I circoli del Partito Democratico di Poppi e Castel San Niccolò, durante un incontro, hanno deciso, unanimemente, di avviare un percorso di studio e di analisi sulla istituzione di un nuovo comune dell’alto Casentino. Gli elementi salienti che sono già emersi durante il primo incontro sono i seguenti: Il progetto del nuovo comune dovrà necessariamente partire da una analisi seria ed approfondita delle criticità per poi valutare attentamente le opportunità che ne derivano dalla istituzione di un nuovo comune, sia in termini di risorse finanziare necessarie a mantenere e potenziare i servizi di competenza comunale, ma anche di rappresentanza dei territori interessati. La  proposta di fusione dovrà essere di iniziativa dei Consigli comunali eletti. Prima di questo passaggio ci dovrà essere una fase di ascolto e condivisione attraverso incontri con le associazioni, di qualunque tipo e assemblee pubbliche aperte ai cittadini. I territori interessati, avendo riguardo anche al possibile assetto che si sta prefigurando in tutta la vallata, saranno sicuramente i comuni di Poppi e Castel San Niccolò con l’auspicio che i comuni di Montemignaio e Ortignano Raggiolo siano disponibili ad una valutazione seria del percorso di fusione che stiamo mettendo in atto. Una volta delineato il progetto di base, saranno stabiliti tempi per l’indizione del referendum consultivo e, comunque, in linea di massima, allineandosi alle scadenze previste dalle altre proposte che sono in itinere in Casentino. L’intento di tale iniziativa va nella direzione della semplificazione istituzionale del Casentino attraverso la realizzazione di 4 comuni, più o meno delle stesse dimensioni demografiche. I lavori proseguiranno con la istituzione di un gruppo di lavoro che, oltre ad iniziare a raccogliere i dati, ha il compito di incontrare i rappresentanti dei comuni di Montemignaio e Ortignano Raggiolo al fine di capire la volontà di quei territori.