Sono il Fazzi, sono nato il 9

Il diario del Fazzi

Sono nato il 9 del mese di giugno. Alla mia mamma quando le chiesero da chi avevo preso rispose che non avevo preso da nessuno e avevo un carattere tutto mio.
All’asilo mi battezzarono Fazzi e subito diventò il mio nome.
Non ho mai avuto rispetto per le formalità e ho sempre dato del tu a tutti.
Odio le ingiustizie e davanti ad esse non ho rispetto nemmeno per il Papa.
Sono sempre stato dalla parte scomoda, quella che perde, ho sempre difeso i deboli contro i potenti e i potenti una volta diventati deboli.
I miei numeri sono il 22 il 12 e 17.
Ho fatto l’Esattore delle tasse, il Carabiniere, ho volato in deltaplano, sono diventato Sommelier, ho camminato sui Carboni Ardenti, sono stato Assessore, ho cavalcato con Romeo, ho volato fino in Australia, mi sono fatto diversi viaggi in moto, ho fatto due Maratone e scritto un Romanzo, ho ballato tanto sudando sui cubi di tutte le discoteche della Riviera.
Ho quattro tatuaggi ma ne vorrei fare altri.
Amo gli animali e la natura e avrei voluto vivere in simbiosi con loro, ho sempre creduto che nella vita precedente fossi stato un indiano d’America.
La cosa in cui credo di più è l’amore, mi fido sempre degli altri e non rinuncerei mai solo ad una cosa , alla mia libertà.
Non ho paura di morire, ho sempre avuto paura di non vivere abbastanza intensamente.
Credo che ognuno sia frutto delle proprie scelte ma ci sono cose che non dipendono da noi, io mi concentro solo su quelle che dipendono da me.
Ho sofferto molto e adesso la mia paura più grande è quella di soffrire ancora, non c’è cosa più importante della salute.
Amo leggere, scrivere, correre, ora corro solo con la mente ma sono i viaggi più belli.
Ho bisogno di emozioni, quelle forti.
La mia famiglia è fatta dai miei cari e dai miei amici perché senza amicizie la vita è un po’ triste e anche un po’ più dura.
I veri amici sono pochi? Io di veri amici ne ho tanti, non so forse sarò l’eccezione che conferma la regola.
Sono sempre stato ossessionato dal Tempo perché se finisci i soldi li puoi rifare, se cade la casa la puoi ricostruire ma nessuno ti rende indietro il tempo che hai sprecato.
Mantengo le promesse, a volte dico bugie, ogni giorno commetto in media una decina di peccati perché come dice Alda non vorrei pentirmi di non aver peccato abbastanza.
Non mi lamento quasi mai, non sopporto la lentezza, preferisco rischiare che stare ad aspettare.
Non sbaglio mai ma purtroppo  non è colpa mia è quasi una maledizione !
Quando mi emoziono piango, ultimamente un po’ troppo spesso.
Sono molto impulsivo ma anche riflessivo, un bravo ragazzo ma molto pazzo, l’intuito la mia prima arma , il coraggio la sua compagna.
Sono nato il 9, sono la persona più umile sulla faccia della terra ma sono il Fazzi… il Numero 1!

CONDIVIDI
Articolo precedenteCasentino Covid free! Dopo 3 mesi la vallata è libera dal virus
Prossimo articoloTutti finanziati i progetti dei Comuni del Cammino di Francesco La Verna – Assisi
Fabrizio Piantini
Laureato in Economia Commercio nella Facoltà di Firenze nel 1999, dal 2000 ho intrapreso la professione di Consulente Finanziario per Banca Mediolanum. La mia attività lavorativa è stata ed è una vera e propria Scuola di Vita che mi ha permesso di sviluppare i miei talenti e dedicarmi nel tempo a numerose passioni. Sono un esploratore mai domo della vita in tutte le sue forme, mi sono dedicato alla conoscenza dei vini diventando Sommelier, sulla soglia dei quarant’anni mi sono innamorato della corsa fino a cimentarmi in due maratone. Amante degli animali, oggi ho un piccolo Jack Russel, il gatto Stella e il mio cavallo Romeo. Ho sempre amato scrivere poesie e racconti per esigenza dell’anima e per esprimere tutte le mie emozioni che vivo al massimo, sennò, come dice il mio cantante preferito loro mi fanno fuori. Ah, dimenticavo, dall’8 marzo 2019 (non a caso la festa della Donna), ho perso una gamba, non è stato un dramma, in fondo come dico : è solo una gamba.