Straordinaria riscoperta a Capolona: torna alla luce un ponte romanico

Grande festa per far conoscere l’antico manufatto: il comune organizza una passeggiata sul fiume con colazione contadina per tutti


Stefani (Presidente CB2): “Sempre più spesso l’attività svolta dal Consorzio porta non solo alla riduzione del rischio idraulico ma anche a restituire fruibilità  e dignità al territorio”

Norcini (Assessore Comune di Capolona): “ Sabato 6 luglio, tutti insieme, per apprezzare un tratto del nostro comune che ha cambiato volto: alla scoperta della natura, della storia e dei prodotti locali

Questa giornata vuole iniziare un percorso ambizioso per far si che il ponte sul Valiano entri a fare parte  del patrimonio storico-culturale del nostro territorio: un’attrazione turistica e una riscoperta dei tesori che troppo spesso dimentichiamo di avere a pochi passi da casa”

Il ponte viene riscoperto e  torna protagonista. Liberato dalla vegetazione invadente, che lo nascondeva da tempo, l’antico manufatto  in pietra,  che scavalca il Fosso di Valiano, nei pressi dell’abitato di San Martino Sopr’Arno, nel comune di Capolona, è adesso una bella e suggestiva testimonianza del passato, visibile a tutti.

Il Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno, eseguendo la manutenzione ordinaria programmata nel Piano delle Attività 2024 sul corso d’acqua,  ha eliminato parte degli arbusti e delle piante vecchie e in precario stato di salute, riportando  alla luce anche l’autentico “gioiello”, rimasto “invisibile” per decenni.

L’operazione di ripulitura del tratto, che va dall’immissione del Fosso dei Canapini verso monte, per una lunghezza di circa 300 metri, è stata pianificata per eliminare possibili ostacoli capaci di limitare lo scorrimento dell’acqua e per monitorare eventuali situazioni di dissesto.

Ma, come spesso accade, ha ottenuto anche uno straordinario e gradito “effetto collaterale”: ha restituito alla comunità il piccolo e delizioso by pass di età romanica, di cui si era, di fatto, persa la memoria.

Alle spalle, un passato importante, testimoniato, nelle vicinanze, dai resti ancora ben visibili di una costruzione, che, secondo il catasto lorenese, corrispondeva a un nucleo produttivo di tutto rispetto, costituito da casa, mulino, fornace e forno, a pochi passi dall’antica Pieve di San Martino.

Con il passare del tempo era  diventato un attraversamento pedonale e lo è rimasto fino al dopoguerra.

Poi, con l’abbandono delle campagne da parte degli agricoltori che, fino ad allora, si erano occupati della manutenzione dei terreni, della pulizia dei boschi e della cura delle infrastrutture ad essi connesse, è caduto completamente in disuso ed è progressivamente stato dimenticato.

L’intervento, completato in questi giorni dal personale del Consorzio, ha riportato alla luce il piccolo elevato a schiena d’asino, quasi completamente avvolto nella vegetazione:   un ritrovamento che l’amministrazione comunale  ha deciso di valorizzare e condividere con la comunità.

E’ nata così l’idea di organizzare una passeggiata di gruppo per far conoscere e apprezzare il suggestivo corso d’acqua con il suo ponte.

 Serena Stefani, Presidente del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno, commenta:  “Sempre più spesso l’attività svolta dal Consorzio unisce due funzioni: porta   alla riduzione del rischio idraulico e a restituire fruibilità  e dignità al territorio. La riscoperta del ponte romanico sul fosso di Valiano ne è uno splendido esempio. La manutenzione ordinaria eseguita dagli operai dell’ente ha riportato alla luce un manufatto di cui si rischiava di perdere conoscenza e memoria.”

Gianluca Norcini, Assessore del Comune di Capolona, presentando l’iniziativa, illustra i progetti per il rilancio dell’antico by-pass: “L’intervento del Consorzio di Bonifica ha restituito al nostro territorio un autentico gioiello. Per questo abbiamo pensato di offrire a tutti l’occasione per  apprezzare un tratto del fiume che ha davvero cambiato volto, unendo   la possibilità di conoscere natura,  storia e  prodotti locali. Con questa iniziativa, intendiamo  iniziare un percorso ambizioso volto a riportare il ponte sul Valiano all’interno del nostro patrimonio storico-culturale: un’attrazione turistica per riscoprire tesori che troppo spesso dimentichiamo di avere a pochi passi da casa.”

Il percorso partirà dalla Pieve di San Martino  e si snoderà lungo il fosso di Valiano, seguendo il tracciato della “Via Romea Germanica”.

L’appuntamento è per  sabato 6 luglio alle ore 10.

Nell’occasione sarà illustrata la lunga storia dell’antico ponte di cui si era persa la memoria tramite la pubblicazione “Uno sguardo dal ponte” di Monica Baccianella (Quaderni dell’Ecomuseo del Casentino) .

Durante la passeggiata una guida ambientale e un esperto del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno illustreranno le caratteristiche dell’ambiente e dei lavori realizzati sul Fosso di Valiano.

L’appuntamento consentirà di mostrare un punto del territorio poco conosciuto e   la vitalità del fosso, incastonato nella vegetazione, che, anche nelle pozze povere d’acqua, mostra una fauna ittica in buona salute.

Al termine,   ricca e gustosa colazione contadina, preparata con prodotti locali.


Pubblicità

Ultimi Articoli

Statale 71: lavori, semafori e disagi per i pendolari

Lavori alla Gravenna: “La Regione a inizio anno aveva assicurato che non ci sarebbe stato nessun altro semaforo prima della conclusione dei lavori sul...

Al teatro Dovizi va in scena “STAGIONI”, saggio della Scuola di Teatro NATA

Sul palco del Teatro Dovizi di Bibbiena va in scena il saggio/spettacolo del gruppo della Scuola di Teatro Nata diretto da Alessandra Aricò, regista...

Una mobilitazione solidale per donare un nuovo mezzo alla Misericordia di Bibbiena

Il progetto, dal titolo “Muoversi & Non Solo”, è promosso dalla Eventi Sociali per sviluppare servizi sociosanitari. Il coinvolgimento delle aziende e degli imprenditori...