Tagli bosco, Ceccarelli (Pd): “Dopo la sentenza del Consiglio di Stato, burocrazia insostenibile per piccole imprese”

“Non è logico né utile che per tagliare mezzo ettaro di bosco si debba ottenere una autorizzazione paesaggistica, con un aggravio di burocrazia insostenibile per piccole imprese che già faticano a sopravvivere”.

Con queste parole, il neo capogruppo del Pd in Consiglio regionale Vincenzo Ceccarelli commenta la recente sentenza del Consiglio di Stato sulla materia.
“Lo dice chi – prosegue Ceccarelli – si è impegnato negli ultimi 5 anni per l’attuazione del Piano Paesaggistico regionale, ritenendo il paesaggio un vero e proprio giacimento su cui fondare uno sviluppo sostenibile del nostro territorio. Bisogna distinguere  tra quelli che sono  interventi di pura coltivazione del bosco e quelli che invece hanno dimensioni e caratteristiche tali da poter compromettere la risorsa paesaggistica. Porterò la questione in Consiglio regionale – conclude il capogruppo Dem – e chiederemo ai nostri parlamentari e al ministro Franceschini di adoperarsi per individuare i possibili correttivi per porre rimedio ad una situazione non sostenibile per la sopravvivenza di imprese che sono parte integrante dell’economia delle aree interne”.
Comunicato stampa

Ultimi Articoli

Ultima settimana del Festival del Libro di Bibbiena: altri grandi autori e altri eventi

Un festival da record nelle prime due settimane: 1430 persone che hanno partecipato ai vari eventi, più di 500 libri venduti, 40 insegnanti del...

Da Badia Prataglia una storia d’amore di altri tempi

Ti chiamerò Flora Questa è una storia d’amore apparentemente al pari di una delle tante altre nate in tempo di guerra, che la guerra ha...

Carlo Toni a proposito di Poppi e turismo

«La Regione Toscana in base alla L.R. n. 86 - 2016/2018 - informazione e accoglienza turistica - ha stabilito che si costituissero gli A.T.O....