“Tana degli Orsi” e “Tirabusciò” tra le migliori osterie d’Italia secondo Slow Food

Da ormai 30 anni Slow Food pubblica la famosa (e seguitissima) Guida alle Osterie d’Italia. Ricevere la prestigiosa “Chiocciola”, per un’osteria italiana, non è una semplice soddisfazione fine a se stessa, è anche un valore aggiunto: significa che si è svolto un buon lavoro e che quel lavoro, quello dell’oste, lo si fa con passione e con dedizione e per questo è apprezzato dai clienti. Perché il cliente che si siede all’osteria, seppur rivisitata e modernizzata, vuole sentirsi un po’ a casa, vuole essere coccolato e vuole ritrovare i sapori e i profumi del focolare domestico. Il prossimo 17 settembre la guida di Slow Food sarà in edicola e in libreria, Repubblica Sapori (a questo link) ha anticipato le nuove “Chiocciole” di quest’anno e abbiamo scoperto esserci anche due locali casentinesi: La Tana degli Orsi di Pratovecchio e il Tirabusciò di Bibbiena. Due realtà casentinesi ormai consolidate da anni, ma che troveranno in questo riconoscimento un motivo in più per proseguire nell’ottimo lavoro che stanno facendo.