“Tana degli Orsi” e “Tirabusciò” tra le migliori osterie d’Italia secondo Slow Food

Da ormai 30 anni Slow Food pubblica la famosa (e seguitissima) Guida alle Osterie d’Italia. Ricevere la prestigiosa “Chiocciola”, per un’osteria italiana, non è una semplice soddisfazione fine a se stessa, è anche un valore aggiunto: significa che si è svolto un buon lavoro e che quel lavoro, quello dell’oste, lo si fa con passione e con dedizione e per questo è apprezzato dai clienti. Perché il cliente che si siede all’osteria, seppur rivisitata e modernizzata, vuole sentirsi un po’ a casa, vuole essere coccolato e vuole ritrovare i sapori e i profumi del focolare domestico. Il prossimo 17 settembre la guida di Slow Food sarà in edicola e in libreria, Repubblica Sapori (a questo link) ha anticipato le nuove “Chiocciole” di quest’anno e abbiamo scoperto esserci anche due locali casentinesi: La Tana degli Orsi di Pratovecchio e il Tirabusciò di Bibbiena. Due realtà casentinesi ormai consolidate da anni, ma che troveranno in questo riconoscimento un motivo in più per proseguire nell’ottimo lavoro che stanno facendo.

CONDIVIDI
Articolo precedente“Ri-Guardo la Primavera”, mostra personale di Elia Fiumicelli
Prossimo articolo“Piccola comunità, grande solidarietà”: parte il bando per il Servizio civile a Talla
Christian Bigiarini - Direttore Responsabile
Christian Bigiarini è nato a Roma nel 1971, ma vive e scrive a Ponte a Poppi (AR) in Casentino. Nel 2005 ha pubblicato la sua prima raccolta di racconti dal titolo “Adesso sono morto”. Nel 2006, a Castelnuovo di Garfagnana ha vinto il premio di narrativa Loris Biagioni con il racconto “La mozione del beep” e nel 2008 ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Rosso cuore, nero amore” recensito dal sito recensionelibro.it come uno dei migliori dieci esordi dell’anno. È giornalista pubblicista, dal 2009 collabora stabilmente con il magazine CasentinoPiù e dal 2013 ne è Direttore responsabile. Nel 2011, a Monselice (PD) ha vinto il premio nazionale “Il Poeta e il narratore” con il racconto “Bar Mario”. L’anno successivo, 2012, si è classificato secondo allo stesso concorso con il racconto “5 secondi”. Nel 2012 è uscito il suo secondo romanzo: “O di odio” Onirica Edizioni. “Storie e osterie” (Nicolò Caleri Editore-2013) è la sua terza pubblicazione.