Tra calcolo e fortuna: tutto ciò che c’è da sapere sulla roulette

La diffusione del gioco d’azzardo in Italia sta vivendo una fase di straordinaria crescita, alla quale stanno contribuendo positivamente le continue innovazioni in ambito tecnologico, in particolare per quanto riguarda la nascita ed evoluzione dei casinò digitali. Secondo i dati di settore, infatti, nel 2017 sono stati 17 milioni gli italiani che hanno giocato d’azzardo almeno una volta, una cifra che supera di ben 7 milioni quella riportata appena tre anni prima, nel 2014.

Nell’arco dello scorso anno sono stati spesi 18,9 miliardi al gioco, con un’importante percentuale rappresentata dal gioco online, che sta conquistando sempre più appassionati per via della maggiore comodità e accessibilità rispetto a quello tradizionale; la spesa di questo particolare segmento è infatti arrivata a quota 850 milioni. In questo contesto, la roulette è senza ombra di dubbio uno dei giochi più amati in assoluto, ed è per questo che oggi approfondiremo alcuni suoi aspetti caratteristici, dando qualche utile consiglio per godersi al massimo l’esperienza di gioco e non correre rischi.

Breve storia della roulette

Secondo gli elementi che sono oggi a nostra disposizione, non è possibile risalire alle origini precise del gioco della roulette, in quanto non sono state ancora reperite delle testimonianze scritte che attestano la sua nascita. Gli studiosi concordano però sulla presenza di questo particolare intrattenimento già in epoche antiche, presso popolazioni come Greci e Romani. La roulette che conosciamo oggi, però, risale alla seconda metà del 1600 e solo nel 1700 la sua fama fu tale da farla arrivare nei casinò più noti di Parigi e successivamente in quelli di tutta Europa, fino ad arrivare all’America nel 1800 (secolo caratterizzato dai grandi flussi migratori provenienti dai paesi europei), dove trovò terreno fertile per diffondersi sempre più.

L’importanza della matematica

Sebbene molti siano convinti del fatto che il gioco della roulette sia dominato esclusivamente dalla fortuna, c’è da dire che negli anni sono stati numerosi gli scienziati e gli appassionati che hanno studiato nel dettaglio le varie possibilità di vincita, sfruttando le loro capacità di calcolo. È il caso del celebre matematico e filosofo francese Blaise Pascal, ad esempio, che nel corso del suo studio approfondito sul moto perpetuo fece diverse ipotesi sulla roulette (che però non avrebbe mai fornito il moto perpetuo ricercato per via dei vari attriti esistenti).

Dopo Pascal furono molti gli esperti del settore a cimentarsi nella missione di predire con precisione le varie traiettorie percorse dalla pallina della roulette, arrivando anche a pubblicare articoli specifici e approfonditi, come nel caso di Edward Thorp nel 1969. Nonostante ciò, però, è bene ricordare che oltre ai metodi per vincere alla roulette sarà necessario considerare il peso innegabile che ha il fattore fortuna: l’applicazione di queste strategie può dunque aumentare senz’altro la probabilità di vincita, ma non ne dà la certezza assoluta.

Il margine della casa: perché è importante conoscerlo?

 Che si tratti di un giocatore principiante o esperto, chi vuole approcciare questo particolare gioco in maniera più scientifica non potrà trascurare un fattore che ricopre un ruolo importante nel mondo dell’azzardo. Parliamo nello specifico del cosiddetto “margine della casa”, ossia le probabilità (espresse in percentuale) di vincita che si hanno in ogni gioco nel quale ci si vuole cimentare; si tratta dunque di una percentuale media di guadagno che il casinò (online o tradizionale che sia) ottiene per ogni giocata; nel caso della roulette, questo dato specifico è pari al 2,7%.

Se si conosce anche solo approssimativamente la percentuale in questione si potrà quindi selezionare meglio il gioco più conveniente in questo senso, soppesando man mano le percentuali medie di vincita e di perdita grazie ai dati matematici e valutando bene qual è il gioco che più si addice alle proprie capacità.

Il fattore fortuna: consigli per non perdere il controllo

Come anticipato, la roulette è un gioco che richiede una buona capacità di calcolo ma anche un pizzico di fortuna. Trattandosi di un gioco i cui risultati non possono essere predetti con assoluta certezza, è bene riuscire a prenderlo con la dovuta leggerezza: nonostante le varie teorie matematiche, si tratta pur sempre di un gioco creato per svagarsi e staccare la spina dai pensieri di ogni giorno. È quindi altamente sconsigliabile farsi trascinare eccessivamente dalle emozioni, pretendendo di ottenere una vincita milionaria ogni volta in cui ci si siede al tavolo verde.

A questo proposito è bene ricordare che bisogna stabilire un limite di budget da giocare volta per volta e conservare sempre una buona dose di razionalità, necessaria per mantenere il sangue freddo e affrontare al meglio le varie perdite e vincite. Nel momento in cui ci si accorge di non essere più padroni delle proprie emozioni, poi, la cosa migliore da fare per evitare ogni tipo di problema sarà sospendere la giocata.