TRACCE SONORE: Musica, Natura e Movimento ricordando Guido Monaco

Sabato 8 agosto a Talla, ha avuto luogo la prima edizione di quella che è stata a tutti gli effetti un’escursione “sperimentale”.

Due ore circa immersi nella natura del paese casentinese, con momenti di sosta ed intermezzi musicali. Un pomeriggio dedicato ai sensi attraverso un linguaggio universale codificato per la prima volta da Guido Monaco, in un contesto altrettanto universale che non ha bisogno di codifiche, basta prestare attenzione con un piccolo sforzo di volontà e presenza.

E’ un momento difficile per le attività in gruppo ma sabato ha vinto la voglia di ritrovare e di ritrovarsi. Con tutte le precauzioni del caso, con tranquillità e disciplina, circa una quarantina di persone hanno intrecciato il piacere di camminare in compagnia all’ascolto di ottima musica con gli spazi aperti che la Natura ci offre.

E così mentre il vento accompagnava il suono di un magnifico Handpan, cantando sommessamente tra le foglie, il battere dei tamburi hanno accompagnato i passi dei viandanti sul sentiero… un ritmo tribale, quasi ancestrale… che sicuramente ha ridotto la sensazione di fatica nell’unico tratto veramente in salita.

Dolcissime note appena pizzicate sulle corde di una chitarra classica, come il profumo della menta fresca lungo il percorso. Una melodia coinvolgente dai tasti bianchi e neri di un pianoforte ha infine immerso gli spettatori in un abbraccio di quelli tanto agognati: lungo e caldo.

Un modo per trovarsi e ritrovarsi. Scoprire che a volte basta poco per sentirsi nutriti e appagati.

Non c’è bisogno di fiumi di parole, basta permettersi di tendere i sensi.

Grazie all’associazione “Casentino Musica”, alla Proloco “Guido Monaco” e al Comune di Talla, alla Cooperativa “Inquiete” e all’Ecomuseo del Casentino.

E grazie a chi ascolta in silenzio.