Treno del Casentino, il gruppo LFI pronto a fare la propria parte per la ripartenza

Nella foto, il Presidente di LFI Maurizio Seri in un fotomontaggio con il treno Jazz

L’intervento del Presidente del Gruppo LFI Spa Maurizio Seri circa modalità e tempistiche della ripartenza del servizio ferroviario nella Fase 2 dell’emergenza Covid-19

Gradualità, precauzioni, incentivo all’uso del mezzo pubblico: 

il Gruppo LFI è pronto a fare la propria parte per ripartire

Seri: “Se non ci dovesse essere una ripresa delle attività produttive e commerciali: la situazione diverrebbe di difficile e complessa gestione. Da marzo le aziende di trasporto pubblico perdono complessivamente 200 milioni/€ al mese: la quota parte del Gruppo LFI ammonta a 130 mila euro”

“Da più parti si sente forte la richiesta di ripartire, di dare avvio alla così detta Fase 2 di questa drammatica emergenza sanitaria ed economica. Sono anch’io tra questi, pur sapendo che serviranno gradualità ed il mantenimento di tutta una serie di precauzioni a cui ci stiamo abituando: uso di mascherine protettive e distanziamento sociale”.

Inizia così l’intervento del Presidente del Gruppo LFI Spa, Maurizio Serie, in merito alle modalità e alle tempistiche della ripartenza nella seconda fase dell’emergenza Covid-19.

“Il mondo dei trasporti, peraltro, non si è mai fermato: i vari DPCM susseguitesi in questa ormai lunga emergenza Covid-19 hanno ripetutamente stabilito, confermando, che il settore del trasporto persone è un servizio di interesse pubblico generale e che la mobilità, pertanto, deve essere garantita, attraverso una nuova programmazione e rimodulazione di orari e servizi.

Questo è stato fatto, riducendo i nostri collegamenti ferroviari in modo che i disagi per i passeggeri fossero ridotti al minimo e mettendo in campo una mole gigantesca, come mai nel passato, di attività precauzionali a favore del personale e degli utenti viaggiatori, recependo i protocolli anti Covid-19 emanati dall’autorità Governativa.

Lo abbiamo potuto fare, finora, grazie anche ad un accordo azienda/sindacato, responsabilmente sottoscritto dalle parti, con il quale è stata garantita la piena occupazione senza il ricorso alla Cassa Integrazione fino al prossimo 3 maggio.

Dopo questa data se non ci dovesse essere una ripresa delle attività produttive e commerciali, con un contestuale utilizzo dei mezzi pubblici, la situazione diverrebbe di difficile e complessa gestione.

È stato stimato che dallo scorso mese di marzo le aziende di trasporto pubblico perdono complessivamente 200 milioni/€ al mese. La quota parte del Gruppo LFI è pari a 130 mila Euro; comprensibilmente se non ci saranno a breve provvedimenti a supporto molte aziende andranno in sofferenza.

Il primo provvedimento governativo/istituzionale è a costo zero: valorizzare gli sforzi del mondo trasportistico attraverso una promozione sull’uso del mezzo pubblico rispetto a quello privato.

Se vogliamo affrontare davvero il tema dei cambiamenti climatici non possiamo che partire dal favorire l’utilizzo dei mezzi pubblici, treno in primis, investendo nei collegamenti urbani ed extraurbani con la realizzazione di parcheggi scambiatori a supporto; potremmo continuare a lungo ragionando sui temi del turismo e della sicurezza entrambi direttamente collegati ai trasporti.

Siamo consapevoli che, come aziende di trasporto, dovremo affrontare importanti cambiamenti al fine di soddisfare gli standard previsti dal perdurare dell’emergenza sanitaria. Il servizio dovrà essere ricalibrato in base alla futura organizzazione del mondo del lavoro e di quello scolastico e la capacità o meno dell’azienda ad affrontare questa sfida epocale sarà parimenti proporzionale al grado di duttilità che saprà darsi nella propria organizzazione operativa e alla capacità di garantire accurate pulizie e sanificazioni a salvaguardia della salute pubblica pari a quelle attualmente in atto.

Come Gruppo LFI spa siamo pronti a fare la nostra parte, a dare il nostro contributo mettendoci a disposizione del territorio nella consapevolezza che insieme supereremo questo difficile periodo”.

Maurizio Seri Presidente Gruppo LFI spa