Un momento di riflessione politica al Cinema Italia di Soci: sabato 16 marzo

La Giunta di Bibbiena al lavoro

Quali sono le prerogative di un buon civismo? Perché i cittadini devono ripartire da istanze di responsabilità verso i propri territori? E quali sono state in Italia le esperienze vere e coerenti di civismo che hanno portato a cambiamenti sostanziali nel governare? Di tutto questo parleremo il 16 Marzo alle ore 17.00 presso il Cinema Italia di Soci.

Due personaggi saranno chiamati sul palco ad approfondire questi aspetti, da un lato da un punto di vista concettuale e storico e dall’altro come esperienza vissuta.

Il primo a salire sul palco sarà il Professor Stefano Rolando dal 2001 professore di ruolo alla Università IULM di Milano in cui insegna Politiche pubbliche per le comunicazioni e Teoria e tecniche della comunicazione pubblica oltre ad avere creato e dirigere il master universitario in Management della comunicazione sociale, politica e istituzionale (MASPI). Figura tra i primi sperimentatori e promotori della comunicazione pubblica in Italia (attivando come direttore generale a Palazzo Chigi dal 1985 al 1995 un presidio operativo e progettuale), è tra i protagonisti del dibattito sulla materia in Europa, nella prospettiva soprattutto della democrazia partecipativa. Negli ultimi anni ha particolarmente orientato studi e analisi nel campo del branding pubblico (identità competitiva), con una scrittura attenta anche ai temi della memoria, dell’identità nazionale e dei cambiamenti della politica. E’ Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica Italiana (governo Ciampi 1993), con alte onorificenze concesse dalle Repubbliche di Francia (1996) e Romania (2008) e una cattedra h.c. in Diritto e Scienze Sociali all’Università di Buenos Aires (1990).A Soci presenterà il suo libro dal titolo “Civismo Politico”.

Nel contesto del dibattito con il Professor Stefano Rolando sarà presente anche il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti il primo sindaco del Movimento Cinque Stelle in una città capoluogo di provincia. Fin dai primi giorni della sua carica aggiorna gli elettori con post scritti su Facebook, su Twitter e sul suo sito ufficiale, cercando di sviluppare il suo programma elettorale che comprende anche il cosiddetto antidoto anti-crisi, un elenco di idee per impiegare incentivi per contenere gli sprechi dando vita a una smart grid, una rete energetica intelligente finalizzata a favorire l’auto-sufficienza energetica. Dopo l’uscita dal Movimento 5 Stelle, Pizzarotti, con 18 dei 19 consiglieri eletti e fuoriusciti insieme dal Movimento, fonda il gruppo consiliare Effetto Parma. Il 21 gennaio 2017 Pizzarotti annuncia la corsa per il suo secondo mandato da sindaco di Parma con una lista indipendente chiamata anch’essa Effetto Parma. Ottenuto l’accesso al ballottaggio, il 25 giugno viene rieletto battendo col 57,87% dei voti l’esponente del centrosinistra Paolo Scarpa. Nel 2018 fonda il movimento politico Italia in Comune, conosciuto come il Partito dei Sindaci.

La giornata si concluderà con la presentazione del nuovo candidato Sindaco per la Lista Obiettivo Comune – Avanti Insieme.