Un pensiero al giorno: “Claudia e Chicca”

Claudia e Chicca

Te ne sei andata così, in punta di piedi,

hai preferito non farmi vedere il tuo sguardo turbato.

Mi hai amato così tanto, da risparmiarmi l’addio,

lasciandomi lì, a sperare fino alla fine.

Sei stata con me tanti anni, mia cara Chicca,

sei stata il mio guardiano proteggendomi sempre

eppure la tua dolcezza era così infinita

che non capivo come potevi recare paura negli altri.

Abbiamo diviso il divano in sere che erano soltanto nostre,

quando il corpo ci chiedeva riposo.

Ti abbiamo portato da un paese lontano

E ci hai fatto compagnia in momenti terribili

ma hai anche contribuito a portar tanta gioia

nella mia casa, ma soprattutto all’interno di me,

e per tutto questo io ti ringrazio e ti amo mia Chicca

e sento che il vuoto che lasci sarà una voragine,

ma ogni volta che mi verrai alla mente

 continuerò a sorridere, perché tu, negli anni

hai reso il mio cuore migliore.

Grazie

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.

Ultimi Articoli

S.O.S. Alberi di Natale: devastante la siccità in Casentino

Montemignaio (AR), 16 agosto 2022 -  “Ci piacerebbe che la Regione Toscana potesse venire incontro anche a noi, come ha già fatto per altre...

Corsalone, casentinese arrestato per spaccio

I Carabinieri della Compagnia di Bibbiena nella loro attività di controllo sulle arterie principali della valle, in località Corsalone, hanno fermato un'auto sospetta con...

Incontri ravvicinati: intervista a Paolo Vanacore

Ho conosciuto Paolo Vanacore a Roma durante la presentazione di Achab, rivista letteraria uscita con il numero 100 dedicato a Pier Paolo Pasolini, su...