Un pensiero al giorno: “Finalmente sono insieme”

SeppH da Pixabay"/>

Finalmente sono insieme

Una nascita può risultare sconvolgente quando non può esser vissuta,

pur rimanendo comunque meravigliosa.

E tu piccolo amore che sei nato da solo, con la tua mamma che aveva il pensiero

del tuo fratellone e del tuo babbo, a cui è stato impedito di assistere al tuo arrivo.

Quanto dolore in questa tua storia piccino,

quanta rinuncia.

Ma adesso sei lì, nella tua casa a godere del tuo fratellone,

e di tutte quelle coccole e attenzioni che non hai potuto avere

quando era il tuo “inizio”.

Ora riprenditi tutto piccino, perché ne hai il sacrosanto diritto,

ora niente potrà impedire il fatto che tu cresca circondato dai tuoi

e che tu possa respirare l’essenza della famiglia,

quella tua famiglia che ti ha agognato,

e che invece, per forza maggiore, ha dovuto aspettare del tempo…

Un lunghissimo tempo crudele, così come è crudele la circostanza di questi giorni!

Federico Donati ci tiene, insieme alla moglie Elisa a ringraziare il personale dell’ospedale San Donato di Arezzo, il quale si è mostrato comprensivo e attento alla loro particolare situazione. Tutti si sono comportati immensamente bene con questa giovane madre, che ha scoperto di essere positiva al Covid 19 pochi minuti prima di entrare in sala parto, motivo per cui è stato indispensabile l’immediato isolamento. E’ stato lo stesso anche per il marito, risultato positivo anche lui in quei minuti antecedenti al parto, e che per questo non ha potuto assistere ma bensì mettersi immediatamente in quarantena con l’altro bambino di appena tre anni, positivo anche lui.

In particolare, Elisa e Federico vogliono mandare un abbraccio alla dottoressa Letizia Magi, che oltre a manifestare di essere un ottimo medico, è riuscita a stare vicino alla giovane donna partoriente in una maniera assolutamente efficace e premurosa. Sicuramente per questa famiglia sono stati giorni quanto meno pesanti, ma la dimostrazione d’affetto non è stata meno!

Questo è il caso di dire: “Tutto è bene quel che finisce bene”!

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedente23/03: Covid, in Casentino 19 nuovi casi
Prossimo articolo“Dire Dante”: progetto di didattica a distanza curato da Alessandra Aricò
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.