Un pensiero al giorno: “Il viso di una notte”

Foto di Sathish kumar Periyasamy da Pixabay

Il viso di una notte

Tutto precipitava e faceva paura,

quella paura di non arrivare in tempo,

di non afferrare qualcosa.

Il cuore batteva fin nella gola,

nelle tempie, facendo vibrare l’intera anima.

Mentre scendevo le scale,

la paura tangibile di non farcela,

e la speranza che si affacciava ogni pochino,

con l’intento di tenermi in piedi.

Poi, fuori c’eri tu.

Il tuo viso, mentre ti toglievi il pastrano che ti proteggeva,

la maschera e la visiera, utili al caso.

Eri stanca e arrabbiata con l’ennesimo dolore,

mentre il tuo viso veniva fuori pian piano

e io per istinto, ti ho chiesto se eri tu.

Non so il perché sia successo,

forse il disperato bisogno di averti lì…

con me, quella sera!

A Tania… grazie

 

CONDIVIDI
Articolo precedente25/05: Covid, in Casentino 4 nuovi casi
Prossimo articoloCome sfruttare la rete per investire da casa
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.