Un pensiero al giorno: “La luce del fuoco”

La luce del fuoco

Quando mi sono voltata, ho visto che avevano acceso un fuoco.

Si trattava di quei fuochi che servono a bruciar le sterpaglie,

che sono tante nei campi, in questo periodo dell’anno.

Camminavo lungo una strada che rasenta il fiume,

e alla mia destra, per un bel pezzo di via, mi accompagnava il castello.

Il fuoco Pareva essere fatto ai suoi piedi,

o almeno questo era ciò che la traiettoria mi stava donando.

Era una scena incredibilmente bella, e quel fuoco che ardeva,

pareva volesse arrivare lassù, fino a lui.

La pietra del castello appariva ancora più antica,

mentre le lingue rossastre del fuoco, ci giocavano sotto,

fiamme che lui guardava impassibile dal suo piedistallo.

Pareva pensasse che niente oltre il tempo lo avrebbe potuto intaccare,

ma ormai il tempo che lo ha attraversato è già tanto

e lo ha reso forte, quasi intoccabile.

Al mio ritorno, quando le lingue di fuoco appartenevano ad un misero focherello

giunto al punto di spegnersi, ho provato un po’ pena per lui,

mentre il castello era sempre al suo posto, importante e fiero di sé!

 

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce nel 1964 e “arranca” tutta la vita alla ricerca della serenità, quel qualcosa che le è stata preclusa molto spesso. La scrittura è per lei una sorta di “stanza” dove si rinchiude volentieri immergendosi in mondi sconosciuti e talvolta leggiadri. Lavora come parrucchiera a Poppi e gestisce il suo salone con una socia. E' madre di due figli che sono per lei il nettare della vita e scrive, scrive ormai da molti anni anche per un Magazine tutto casentinese che si chiama “Casentino Più”. È riuscita a diventare giornalista pubblicista grazie proprio al giornale per cui scrive e questo ha rappresentato per lei un grande traguardo. Al suo attivo ha ben sette libri che sono: “Le brevi novelle della Marina", “L’uomo alla finestra”, “Occhi cattivi”, “Respira la felicità”, “Un filo di perle”, “La sacralità del velo”, “Le mie guerriere, quel bastardo di tumore al seno”. Attualmente sta portando avanti ben due romanzi ed è felice! È sposata con Claudio, uomo dall’eterna pazienza.

Ultimi Articoli

Gli alunni dell’IC Alto Casentino in partenza sul treno della memoria: destinazione Auschwitz

Sette giorni di viaggio sulle tracce della memoria Pratovecchio Stia (AR) - Sono 28 gli studenti della Secondaria di primo grado dell’IC “Alto Casentino” che...

Al via il progetto rivolto ai giovani inoccupati e promosso dall’Unione dei Comuni del Casentino

Tante le azioni messe in campo per i giovani L’Unione dei Comuni Montani del Casentino ha dato il via al progetto con cui ha vinto...

Poppi, una mozione della minoranza per l’acquisto di un appartamento nel centro storico

Una mozione è stata presentata dal gruppo di minoranza al consiglio comunale di Poppi in merito all’assegnazione tramite asta di una porzione di edificio...