Un pensiero al giorno: “Quando il dolore ferisce”

Foto di congerdesign da Pixabay

Quando il dolore ferisce

Non sei tu che parli

la malattia ti ha stravolto la mente e ti ha resa diversa

talvolta anche cattiva, ma non puoi essere tu.

Tu che sei stata un fiore delicato e perfetto

e hai sempre vissuto senza mai alzare la voce,

hai dato carezze e rivolto sorrisi

e hai sempre preso le difese della gente più fragile.

La persona che siede su quella seggiola non sei più tu.

Tu non sai guardare con gli occhi cattivi,

ti fidi degli altri e tendi loro la mano,

non sai inveire vomitando insulti su insulti

e il tuo viso non si contrae dalla rabbia.

La tua testa bianca rammenta il candore

ma non più le tue labbra.

Ecco, adesso ti porgo una pillola rosa

quella che ti farà rilassare un pochino

così non sarai più arrabbiata,

ma sei sempre meno la donna che porta il tuo nome!

A tutta quella gente a cui il suo essere non appartiene più!

CONDIVIDI
Articolo precedente21/03: Covid, in Casentino 9 nuovi casi
Prossimo articoloTrasporto pubblico: venerdì 26 marzo sciopero nazionale sia per ferro che gomma
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.