Un pensiero ogni tanto: “Nulla di semplice”

Nulla di semplice

Non c’è nulla di semplice nelle giornate che scorrono,

bisogna tener bene le fila per non infrangersi nelle difficoltà quotidiane,

che sempre sono presenti nella vita di tutti.

Capita poi che avvengano gli imprevisti,

quelli che forse presuntuosamente, non mettiamo mai nel conto,

ma che ci sono, però.

Rivolgo questo pensiero a Luisa, una donna che nel suo fare di tutti i giorni,

è caduta banalmente facendosi male, un male serio purtroppo,

uno di quei mali che poteva tramutarsi in tragedia.

Le figlie di Luisa si sono trovate a riflettere sul fatto di quanto il male sia

sempre in agguato e di quanto possa sconvolgere in un attimo,

ciò che è già tanto difficile di per sé.

Manuela e Serena si sentono comunque fortunate, perché nonostante tutto,

nonostante il periodo incerto ed enormemente faticoso,

sono sicure che la loro mamma si riprenderà e che combatterà

per tornare a casa, per far sì che tutto ritorni a scorrere nella normalità.

È con affetto indicibile che virtualmente abbracciano mamma Luisa,

un abbraccio fortissimo che le apporti la forza di resistere, di combattere,

pur trovandosi sola, in un letto di ospedale.

Anche i nipotini di Luisa: Gabriele, Mattia, Leonardo e Tommaso,

quei discoli che a vederli insieme sembrano “I moschettieri”,

mandano un bacio alla nonna e sperano di trasmetterle forza e determinazione.

Queste sono le vicende dolorose che purtroppo sono sempre in agguato,

sempre pronte a stravolgere tutto, all’interno di una vita serena ma complicata,

come del resto è la vita di tutti.

Mi voglio intrufolare tra i “Moschettieri”, tra Manuela e Serena, tra la mamma di Luisa, che guai se non fosse stata presente in quei momenti, e mandarle

un grossissimo abbraccio e un forte in bocca al lupo 

e dirle forza Luisa che non è da sola, anche se lì, sola si vede!

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl 12° Historic Rally delle Vallate Aretine scalda i motori
Prossimo articolo23/01: Covid, in Casentino 84 nuovi casi. Ad Arezzo calano i ricoveri
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.