Un pensiero ogni tanto: “Una grande tavolata”

Una grande tavolata

Ho nostalgia delle grandi tavolate, quando i genitori mettevano “le giunte” alle tavole, quando la preparazione dei pasti iniziava almeno una settimana prima del tempo.

Se chiudo gli occhi rammento l’odore delle panine e il profumo dolce dei semi di anice nelle ciambelle, ma ancora di più rivedo tutte le massaie che si adoperavano intorno agli arrosti e ai maccheroni, avvolte nei loro grembiuli bianchi o a fiorellini. Oddio come era bella la Pasqua nelle famiglie, al mattino la colazione con le uova assodate e benedette, un pezzetto di cioccolato nel piatto e una fetta di panina a render tutto più bello, più fragrante, come era allora l’animosità della gente. E poi il nonno che si faceva il segno della croce, con quel suo sguardo pieno di valori sani e ben saldi, rivolto a ciò che contava davvero, e noi tutti che ci apprestavamo ad imitarlo, perché lui era “il saggio”, lui era colui che sapeva di più! Ricordo che arrivavano i parenti da lontano e allora ci stringevamo nei letti pur di stare tutti insieme nella casa patriarcale, dove tutti si “tornava”, e rammento le donne di una volta che tenevano “attivo” il focolare della casa, donne che profumavano di famiglia di tradizione, di madre, e che mai si sono lavate dall’odore del latte. Rammento le tavole dei grandi e dei bambini, e ricordo quando sono passata dall’una all’altra e a come ero fiera e ormai “grande”. Non c’era chissà che cosa, ma c’era tutto, in quelle grandi tavolate si respirava cosa contasse davvero, perché la vita sta annidata proprio nella semplicità, nel poco possesso. Poi abbiamo corso, abbiamo corso un po’ troppo e niente più c’è bastato, ed è un vero peccato perché i forni sentono il bisogno dei ciambelloni impastati con l’uvetta, le tavole ormai non profumano più del bucato bianco e perfetto di nonna, e i cuori di noi tutti sono intrisi di malinconia. E mentre ripenso a nonna Rina, a zia Maria, a zia Augusta, a zia Margherita, a zia Fiorella e a mia madre, avverto il formicolio dell’orgoglio, quello di far parte di queste donne meravigliose e spero di esserne degna.

Buona Pasqua a tutti in particolar modo alla famiglia Cipriani!

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce a San Piero in Frassino nel dicembre del 1964. Oggi vive e lavora a Poppi, dove condivide un salone di parrucchieria col marito. Ha due figli che sono la sua vita e la scrittura è la sua più grande passione, infatti ha pubblicato due libri di novelle e tre romanzi. A primavera uscirà il suo sesto romanzo che sarà macchiato di giallo. Da anni collabora con la rivista casentinese CasentinoPiù.

Ultimi Articoli

Casentino: rintracciata l’adolescente scomparsa alcuni giorni fa

Il 25 giugno scorso i carabinieri di Badia Prataglia si sono attivati per le ricerche di una minore, una adolescente che si era allontanata...

Il Ministero dello Sviluppo Economico risponde agli alunni della Primaria di Poppi

“Cari ragazzi, sono il capo segreteria tecnica del Ministro Giorgetti e sono stata felice di aver ricevuto la vostra e-mail che dimostra tutto il...

Gianni Gori: dall’oro a Naturalmente Pianoforte

L’imprenditore aretino che vede nell’alternanza scuola lavoro un importante valore aggiunto. Gianni Gori, presidente di Graziella Group, sostiene Naturalmente Pianoforte attraverso la donazione di un...