Un pensiero ogni tanto: “Una parrucca”

Una parrucca

Una parrucca non serve soltanto a far festa,

magari a carnevale, per rendere un pagliaccio più buffo

o una Cleopatra più veritiera,

non serve neanche soltanto a farti esser più bella,

facendo cadere una cascata di ricci,

quando lì, sotto di lei

sei provvista di una chioma un po’ più… come dire; mediocre.

Una parrucca può essere simbolo di sofferenza, di cura,

può rappresentare quel qualcosa che ti dà sicurezza

in un momento “stronzo” della tua vita,

una parrucca può aiutarti a guardare meglio dentro lo specchio,

può diventare importante, essenziale,

per acquisire padronanza di te, quando ne viene meno,

quando il tuo centro del mondo vacilla un pochino,

e non importa se è bionda o nera o magari rossa o arancione,

l’importante è che ti dia la forza, che ti faccia tenere alta la testa,

anche quando vorresti abbassarla un pochino,

può essere quell’oggetto che ti lascia uscire di casa,

che ti fa sentire più a posto,

anche se lo saresti comunque e nemmeno lo sai.

Una parrucca non è solamente un oggetto

ma un tramite, con l’ausilio del quale…

ti senti più te!

Marina Martinelli
Marina Martinelli
Marina Martinelli nasce nel 1964 e “arranca” tutta la vita alla ricerca della serenità, quel qualcosa che le è stata preclusa molto spesso. La scrittura è per lei una sorta di “stanza” dove si rinchiude volentieri immergendosi in mondi sconosciuti e talvolta leggiadri. Lavora come parrucchiera a Poppi e gestisce il suo salone con una socia. E' madre di due figli che sono per lei il nettare della vita e scrive, scrive ormai da molti anni anche per un Magazine tutto casentinese che si chiama “Casentino Più”. È riuscita a diventare giornalista pubblicista grazie proprio al giornale per cui scrive e questo ha rappresentato per lei un grande traguardo. Al suo attivo ha ben sette libri che sono: “Le brevi novelle della Marina", “L’uomo alla finestra”, “Occhi cattivi”, “Respira la felicità”, “Un filo di perle”, “La sacralità del velo”, “Le mie guerriere, quel bastardo di tumore al seno”. Attualmente sta portando avanti ben due romanzi ed è felice! È sposata con Claudio, uomo dall’eterna pazienza.

Ultimi Articoli

Arrivato il nuovo Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Bibbiena

I Carabinieri della Compagnia di Bibbiena (AR) hanno il nuovo comandante, che sostituisce il Cap. Giuseppe Barbato, destinato ad altro incarico È il Tenente Domenico...

“Stirella”: racconti di un’infanzia trascorsa nella campagna casentinese

Quando Graziella Ceccarelli mi ha chiesto di presentare il suo primo libro di racconti, mi sono sentita insieme lusingata ma anche un pochino preoccupata...

Al Cifa di Bibbiena la reunion della Brizzi Big Band

Casentino Jazz Orchestra: la mitica formazione torna di nuovo ad esibirsi venerdì 21 giugno alle 21.30 al Cifa di Bibbiena Metti un gruppo di grandi...