Un piano di interventi per valorizzazione e fruizione del castello di Poppi

La lista “Poppi nel Cuore” in sostegno a Carlo Toni ha presentato progetti e prospettive per il maniero


La volontà è di dar seguito ai 495.000 euro investiti sul castello dei Conti Guidi nell’ultimo quinquennio

POPPI (AR) – Un piano di interventi per dar seguito al processo di valorizzazione e fruizione del castello dei Conti Guidi di Poppi. Lo storico maniero resterà centrale nel programma 2024-2029 della lista “Poppi nel Cuore” in sostegno a Carlo Toni come candidato a sindaco e, in quest’ottica, sono state previste una serie di azioni che si sommeranno ai 495.000 euro già investiti nell’ultimo quinquennio per ambiti quali l’illuminazione esterna, i percorsi intorno alle mura, il rinforzo statico dei ballatoi lignei della corte interna e il ripristino del riscaldamento a pavimento nel salone delle feste. Questo progetto di sviluppo dovrà trovare ora ulteriore seguito con un programma volto al pieno abbattimento delle barriere architettoniche con finanziamento già ottenuto per circa 200.000 euro, con la predisposizione di una copertura wireless per tutta l’area e con la realizzazione di un portale web finalizzato anche alla promozione di eventi e iniziative. Il castello, vera antenna di promozione del territorio casentinese, continuerà inoltre a essere uno spazio di eventi culturali e artistici attraverso l’organizzazione di mostre a tema storico, artistico e ambientale con partner museali e istituti culturali di spessore nazionale.

Questi interventi sono strettamente legati ai progetti della lista “Poppi nel Cuore” in ambito culturale dove la sfida sarà di valorizzare ulteriormente le opportunità offerte dalla collaborazione con associazioni, scuole, soggetti pubblici e privati. Il programma prevede il consolidamento delle manifestazioni storiche come volano di conoscenza e consapevolezza del territorio, il rafforzamento delle collaborazioni con università italiane ed estere con scambi culturali anche attraverso l’ospitalità di Summer School, la previsione di attività di studio e laboratori tematici sul Medioevo, e l’incentivazione di itinerari che partano dal castello e arrivino verso altri siti culturali, museali, religiosi e architettonici. Una particolare attenzione sarà orientata alle giovani generazioni con l’organizzazione di concorsi volti a sostenere le arti della poesia, della narrativa e del teatro, oltre che attraverso la promozione della collaborazione cultura-scuola per la valorizzazione di ogni forma di espressione artistica e attraverso la promozione della lettura con programmi quali “Nati per leggere” e “Nati per la musica” e con l’apertura della sala lettura dedicata ai ragazzi presso lo spazio “CU.RA – Curiamo la Cultura” dell’ex ospedale di Poppi. «La cultura è un elemento aggregante di una società e contribuisce al suo benessere – spiega Carlo Toni. – Investire in cultura è fondamentale per lo sviluppo della comunità e per la crescita delle persone come cittadini consapevoli. Daremo seguito a un’azione indirizzata verso la tutela e la piena conservazione del patrimonio di tradizioni, arte e storia dell’intera collettività locale, in tutte le sue espressioni volte alla valorizzazione del territorio».

Ultimi Articoli

Bibbiena, 42enne arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

Nella serata del 22 giugno, i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia CC, hanno arrestato un uomo di 42 anni, incensurato e domiciliato a Bibbiena...

Nata Teatro vince il “Premio Otello Sarzi” per lo spettacolo “Don Chisciotte, storie di latta e di lotta”

L’Accademia Nata Teatro ha vinto il prestigioso premio Otello Sarzi 2024 con questa motivazione: “Una messa in scena interessante che allarga il campo d’azione...

I Carabinieri di Bibbiena arrestano un pregiudicato per reati di furto in appartamento

Nel tardo pomeriggio di ieri, al termine di un prolungato servizio di osservazione avvenuto nel territorio di Castelfranco Piandiscò (AR), militari della Compagnia di...