Una ciclo-staffetta per testare le condizioni della Ciclopista dell’Arno

La ciclo-staffetta organizzata da Fiab parte dal Casentino e percorre tutto il tracciato per mettere a fuoco risultati e criticità

La partenza VENERDI 24 GIUGNO alle 9 è da Stia Stazione con la Presidente del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno Serena Stefani. L’iniziativa nel comprensorio è organizzata da Fiab Arezzo. Una ciclo-staffetta per testare le condizioni e lo stato di avanzamento della realizzazione della ciclopista dell’Arno. Dalla sorgente alla foce. Il monitoraggio mobile è organizzato da Fiab  e parte dal Casentino, dove inizia l’importante infrastruttura ciclabile.

A tenere a battesimo l’iniziativa, curata dalla sezione aretina della Federazione Ambiente e Bicicletta, la  Presidente del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno, ente da sempre convinto sostenitore dell’importanza di promuovere la mobilità lenta per tutelare l’ambiente e migliorare il rapporto con il territorio. Venerdi mattina alle 9 i partecipanti si incontrano alla Stazione di Stia: ad accoglierli troveranno la Presidente del Consorzio Serena Stefani. Dopo il taglio del nastro la ciclo-staffetta partirà per Ponte a Poppi, con tappa in località Il Porto. Qui ad attenderli ci sarà Eleonora Ducci, Presidente dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino con i sindaci della vallata. Poi di nuovo tutti in sella sulla ciclopista fino a Rassina, dove imboccando Provinciale della Zenna i ciclisti arriveranno a Capolona e attorno alle 13 a Subbiano. Alle 14 il tour riprende: percorrendo la  ex SR 71 e passando per Giovi passerella sull’Arno – Pieve a Sietina – P.te a Buriano, si approderà alla Chiusa dei Monaci dove è previsto l’incontro con  i ciclisti di Fiab Siena provenienti da Chiusi Scalo,  che a loro volta avranno “testato” il Sentiero della Bonifica. Alle 17, arrivo ad Arezzo, in  Piazza della Libertà  per l’incontro con delegati della Presidente della Provincia di Arezzo e con i Sindaci di Arezzo, Capolona, Subbiano, Civitella Valdichiana e Pergine-Laterina.

“Questa iniziativa   vuole essere un forte stimolo per la Regione Toscana e le Amministrazioni locali affinché si completi l’opera e siano messe in atto azioni di miglioramento che rendano l’infrastruttura più attrattiva, sicura e durevole nel tempo quali: asfaltatura, messa in sicurezza di incroci e attraversamenti stradali, alberature, e, cosa importantissima, il mantenimento in efficienza dei tratti realizzati, affidando la manutenzione a soggetti qualificati”, spiegano il Presidente Fiab Arezzo Enrico Valentini e il professor Massimo Barbagli che lo ha supportato nell’organizzazione dell’iniziativa.

“Un percorso che unisce è il titolo della ciclo-staffetta che parte dal Casentino e si sviluppa lungo il corso dell’Arno: è l’obiettivo che muove questa iniziativa ed è  lo spirito che anima da sempre il Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno. Il nostro Consorzio infatti da tempo sta lavorando, in collaborazione con Fiab, con i comuni e numerosi enti ed associazioni per valorizzare l’ambiente fluviale e la sua fruizione anche attraverso lo sviluppo di una mobilità lenta lungo i corsi d’acqua. In Casentino, dove la ciclopista dell’Arno è già stata completata,  questa si dimostra elemento prezioso, di forte attrazione per turisti e comunità locali. Potenziarla è uno degli obiettivi dei contratti di fiume promossi dal Consorzio lungo l’asta fluviale: Casentino H2O (nella vallata casentinese), Abbraccio d’Arno (nei comuni di Arezzo, Capolona, Subbiano, Castiglion Fiorentino, Pergine Laterina e Terranuova Bracciolini) e Acque d’Arno (nel Valdarno Aretino e Fiorentino), che rientrano nel maxi contratto di fiume Patto per l’Arno”.

Ultimi Articoli

Patrimoni Educanti, cultura ed educazione per lo sviluppo locale

Quella in programma sabato 11 febbraio 2023 alle Officine Capodarno di Stia, è una giornata, realizzata grazie al sostegno del Settore Patrimonio Culturale, Museale e Documentario, Siti Unesco...

Ancora un successo della Freestyle Dance School di Bibbiena

Domenica 5 febbraio si è svolta, al Teatro Petrarca di Arezzo, la nona edizione del concorso internazionale “Piero della Francesca”, ormai uno degli eventi...

Alberto Maggi e il suo negozio “sulle lastre” da 100 anni

Il Sindaco: “Alberto rappresenta il piccolo commercio locale, la sua forza e la voglia di mantenersi vivo e attivo per il futuro dei nostri...